Seguici sui social

Belgio

Il Belgio avvia il processo per gli attentati di Bruxelles

SHARE:

Pubblicato il

on

Il Belgio ha avviato lunedì (5 dicembre) un procedimento giudiziario nel suo più grande caso giudiziario per determinare se 10 uomini fossero coinvolti negli attentati suicidi islamisti del 2016 che hanno causato 32 morti e oltre 300 feriti a Bruxelles.

Laurence Massart, il giudice che presiede, ha confermato lunedì, sei anni dopo gli attacchi. Ciò include gli imputati e gli avvocati che rappresentano circa 1,000 vittime degli attacchi dello Stato islamico.

La giuria ha poi ascoltato il suo discorso. Sono stati selezionati tra 1,000 cittadini belgi la scorsa settimana e il processo è durato 14 ore.

Esistono chiare connessioni tra il processo per gli attentati di Bruxelles e il processo francese per gli attentati di Parigi del novembre 2015. Sei dei sei imputati di Bruxelles lo erano condannato tra i 10 anni e l'ergastolo in Francia a giugno. Tuttavia, il processo belga sarà diverso perché sarà deciso da una giuria e non da giudici.

15 persone sono morte negli attentati gemelli che hanno colpito l'aeroporto di Bruxelles il 22 marzo 2016 e la terza esplosione nella stazione della metropolitana il 22 marzo 2016.

Nove uomini sono stati accusati di omicidi multipli o tentati omicidi in circostanze terroristiche. Tutti e 10 rischiano anche l'ergastolo per il loro coinvolgimento in attività terroristiche.

Mohamed Abrini è uno di loro. Sarebbe stato visto in aeroporto con due kamikaze ma è fuggito prima di far esplodere la sua valigia. Tra loro c'è anche Osama Krayem (cittadino svedese).

pubblicità

Salah Abdeslam è il principale sospettato del processo a Parigi. È anche accusato di aver ospitato o aiutato alcuni aggressori, così come altri, affermano i pubblici ministeri. Uno dei 10 presunti morti in Siria sarà processato in contumacia.

Gli imputati non sono tenuti a dichiarare la propria innocenza o colpevolezza secondo la procedura giudiziaria belga.

I pubblici ministeri hanno iniziato a leggere l'accusa di 486 pagine martedì, prima che possano iniziare le udienze di circa 370 esperti e testimoni.

Il processo al quartier generale della Nato in esilio dovrebbe durare sette mesi. Si stima che costerà almeno 35,000,000 di euro.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending