Seguici sui social

Capitale verde europea

I legislatori raggiungono un accordo su un nuovo standard per combattere il greenwashing nei mercati obbligazionari 

SHARE:

Pubblicato il

on

I negoziatori dell'UE martedì (28 febbraio) hanno raggiunto un accordo creando il primo standard best in class per l'emissione di obbligazioni verdi, ECON.

Lo "European Green Bonds Standard" (EUGBS), che le società che emettono un'obbligazione possono scegliere di rispettare, consentirà principalmente agli investitori di orientare i propri investimenti con maggiore fiducia verso tecnologie e attività più sostenibili. Darà inoltre alla società che emette l'obbligazione maggiore certezza che la propria obbligazione sarà adatta agli investitori che cercano obbligazioni verdi nel proprio portafoglio. Lo standard si allinea alla legislazione più orizzontale della tassonomia che definisce quali attività economiche possono essere considerate sostenibili dal punto di vista ambientale.

L'accordo è stato raggiunto dai negoziatori del PE, guidati dal relatore Paul Tang (S&D, NL) e la presidenza svedese dell'UE. Consentirà agli investitori di identificare green bond e società di alta qualità, riducendo così il greenwashing, chiarire agli emittenti di obbligazioni quali attività economiche possono essere intraprese con i proventi delle obbligazioni, mettere in atto un chiaro processo di rendicontazione sull'utilizzo dei proventi della vendita di obbligazioni, e standardizzare il lavoro di verifica dei revisori esterni che migliorerà la fiducia nel processo di revisione.

Trasparenza

Tutte le aziende che scelgono di utilizzare lo standard quando commercializzano un'obbligazione verde saranno tenute a divulgare molte informazioni su come verranno utilizzati i proventi dell'obbligazione, ma sono anche obbligate a mostrare in che modo tali investimenti confluiscono nei piani di transizione dell'azienda nel suo insieme. Lo standard richiede quindi alle aziende di impegnarsi in una transizione verde generale. L'adozione dello standard garantirà inoltre agli investitori che l'obbligazione è allineata alla tassonomia.

I requisiti di informativa, definiti in formati modello, potranno essere utilizzati anche dalle società che emettono obbligazioni che non possono soddisfare tutti i requisiti per qualificarsi per l'EUGBS. Queste società si sottoporrebbero quindi ad ambiziosi requisiti di trasparenza e, di conseguenza, beneficerebbero di una maggiore fiducia tra gli investitori.

Revisori esterni

pubblicità

Il regolamento stabilisce un sistema di registrazione e un quadro di vigilanza per i revisori esterni delle obbligazioni verdi europee, le entità indipendenti responsabili della valutazione se un'obbligazione è verde. Altrettanto importante, il regolamento prevede che eventuali conflitti di interesse effettivi o anche potenziali siano correttamente identificati, eliminati o gestiti e comunicati in modo trasparente. Possono essere sviluppate norme tecniche che specifichino i criteri per valutare la gestione dei conflitti di interesse.

Flessibilità

Fino a quando il quadro della tassonomia non sarà pienamente operativo, i legislatori hanno concordato di consentire che il 15% dei proventi di un green bond sia investito in attività economiche che soddisfano i requisiti della tassonomia ma per le quali non sarebbero stati ancora stabiliti criteri per determinare se tale l'attività contribuisce a un obiettivo verde (criteri di vaglio tecnico).

Paul Tang, relatore, ha dichiarato: “Con 100 trilioni di euro di scambi annuali, il mercato obbligazionario europeo è l'opzione singola più popolare per le imprese e i governi per raccogliere fondi. Stasera l'UE ha compiuto un grande passo per rendere più verde questo enorme mercato adottando il primo regolamento al mondo sui green bond. Ma siamo anche andati oltre legando le obbligazioni verdi alla transizione verde complessiva dell'azienda nel suo complesso.

Questo regolamento crea un gold standard a cui possono aspirare i green bond. Garantisce che il denaro raccolto vada ad attività ecologiche e che le obbligazioni siano controllate da revisori di terze parti professionisti e indipendenti. Questo è un mondo a parte rispetto agli attuali standard di mercato.

Il Parlamento è anche riuscito a includere un quadro per la divulgazione di obbligazioni verdi e legate alla sostenibilità che desiderano dimostrare di prendere sul serio le loro affermazioni verdi ma non sono ancora in grado di aderire ai severi standard del gold standard. Con un sistema chiaro per la divulgazione, qualsiasi green bond che non utilizzi questo sistema sarà probabilmente guardato con crescente sospetto".

sfondo

I green bond possono svolgere un ruolo cruciale nel finanziamento della transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio e possono contribuire a mobilitare il capitale necessario per raggiungere ambiziosi obiettivi climatici e di sostenibilità. Il mercato dei green bond ha registrato una crescita esponenziale dal 2007 con l'emissione annuale di green bond che ha superato per la prima volta la soglia del mezzo trilione di dollari nel 2021, con un aumento del 75% rispetto al 2020. L'Europa è la regione di emissione più prolifica, con il 51% del volume globale di obbligazioni verdi emesse nell'UE nel 2020. L'emissione di obbligazioni verdi è tuttavia ridotta rispetto all'emissione totale di obbligazioni, rappresentando circa il 3-3.5% dell'emissione complessiva di obbligazioni.

Maggiori informazioni 

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.
pubblicità

Trending