Seguici sui social

Biodiversità

Biodiversità oceanica: accordo globale sulla protezione e l'uso sostenibile delle risorse e della biodiversità in alto mare

SHARE:

Pubblicato il

on

I negoziati globali si sono conclusi sullo storico Trattato dell'alto mare per proteggere l'oceano, affrontare il degrado ambientale, combattere il cambiamento climatico e prevenire la perdita di biodiversità.

Il nuovo trattato lo consentirà istituire grandi aree marine protette in alto mare, necessari anche per far fronte all'impegno globale del Accordo sulla biodiversità globale Kunming-Montreal concluso lo scorso dicembre per proteggere almeno il 30% dell'oceano entro il 2030. Per la prima volta, il trattato richiederà anche valutare l'impatto delle attività economiche sulla biodiversità in alto mare. I paesi in via di sviluppo saranno sostenuti nella loro partecipazione e l'attuazione del nuovo trattato mediante una forte componente di rafforzamento delle capacità e trasferimento di tecnologia marina, finanziata da una varietà di fonti pubbliche e private e da un meccanismo equo per la condivisione dei potenziali benefici delle risorse genetiche marine.

Questo trattato "Biodiversità oltre la giurisdizione nazionale", concordato oggi al 5th Conferenza intergovernativa di New York, è il frutto di oltre un decennio di impegno globale per trovare soluzioni a questo cruciale problema ambientale globale. IL UE e suoi gli Stati membri hanno guidato il BBNJ Coalizione ad alta ambizioneche ha svolto un ruolo chiave nel raggiungimento dell'accordo. La coalizione riunisce 52 paesi impegnati, al più alto livello politico, a realizzare azioni ambiziose per la protezione dell'oceano. Era lanciato al One Ocean Summit 2022 a Brest dal Presidente von der Leyen insieme alla presidenza francese del Consiglio.

Prossimi passi

Terminati i negoziati, l'Accordo entrerà in vigore dopo la ratifica da parte di 60 Stati. L'UE si adopererà per garantire che ciò avvenga rapidamente e per aiutare i paesi in via di sviluppo a prepararsi per la sua attuazione. A tal fine, l'UE ha promesso 40 milioni di euro nell'ambito di un programma globale per gli oceani e ha invitato i membri della High Ambition Coalition a fare lo stesso nei limiti delle loro capacità.

L'adozione formale del trattato avverrà una volta completata la pulizia legale nelle lingue delle Nazioni Unite.

sfondo

pubblicità

L'alto mare fornisce inestimabili benefici ecologici, economici, sociali e di sicurezza alimentare all'umanità e necessita di protezione urgente.

Le aree al di fuori della giurisdizione nazionale coprono quasi i due terzi degli oceani del mondo, compresi l'alto mare e il fondale marino al di fuori della giurisdizione nazionale. Contengono risorse marine e biodiversità e forniscono inestimabili benefici ecologici, economici, sociali, culturali, scientifici e di sicurezza alimentare all'umanità. Tuttavia, sono sottoposti a crescenti pressioni dovute all'inquinamento (incluso il rumore), allo sfruttamento eccessivo, ai cambiamenti climatici e alla diminuzione della biodiversità.

Di fronte a queste sfide e in vista della futura crescente domanda di risorse marine per alimenti, farmaci, minerali ed energia, tra gli altri, la stragrande maggioranza degli Stati ha concordato sulla necessità di questo trattato d'alto mare, che assume la forma di un nuovo accordo di attuazione ai sensi della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (UNCLOS) per proteggere e utilizzare in modo sostenibile le risorse di queste aree. L'accordo attuerà ulteriormente i principi esistenti nell'UNCLOS per ottenere una gestione più olistica delle attività svolte in alto mare. Questi principi includono il dovere di cooperare, di proteggere e preservare l'ambiente marino e di effettuare una valutazione preventiva dell'impatto delle attività.

Questo accordo di attuazione è il terzo del suo genere dopo accordi specifici sull'estrazione mineraria dei fondali marini nel 1994 e sulla gestione degli stock ittici transzonali e altamente migratori nel 1995. Il nuovo accordo aggiornerebbe l'UNCLOS sugli sviluppi e le sfide che si sono verificati da quando è è stato sviluppato trent'anni fa e sosterrà ulteriormente il raggiungimento dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, in particolare l'Obiettivo di sviluppo sostenibile 14 ("Vita sott'acqua").

Maggiori informazioni

Sito web della Commissione sulla coalizione ad alta ambizione e sui negoziati BBNJ "Proteggere l'oceano, è tempo di agire"

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending