Seguici sui social

Benessere degli animali

Caccia ai trofei: divieto di importazione

SHARE:

Pubblicato il

on

Mentre la stagione turistica è in pieno svolgimento, le ONG per il benessere degli animali di tutto il mondo chiedono il divieto di importazione di trofei di caccia. Un'attenzione particolare è riservata ai viaggiatori degli Stati Uniti e dell'UE, che sono i principali clienti dei tassidermisti moderni.

In un manifesto di posizione comune 137 organizzazioni per la conservazione e la protezione degli animali di tutto il mondo, comprese 45 ONG del continente africano, hanno preso posizione contro la caccia ai trofei e hanno esortato i legislatori a vietare le importazioni.

“La caccia ai trofei si distingue tra le peggiori forme di sfruttamento della fauna selvatica e non è né etica né sostenibile. Di fronte alla crisi globale della biodiversità provocata dall'uomo, è inaccettabile che lo sfruttamento della fauna selvatica semplicemente per acquisire un trofeo di caccia sia ancora consentito e che i trofei possano ancora essere importati legalmente. È giunto il momento che i governi mettano fine a questa pratica dannosa", ha affermato Mona Schweizer, Ph.D., di Pro Wildlife.

Le statistiche indicano un'enorme crisi in corso nel campo della conservazione degli animali: dal 2014 al 2018 quasi 125,000 trofei di specie protette dalla CITES - la Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione - sono stati importati a livello globale, con i clienti USA e UE in testa feticismo, assicurando flussi di commissioni ai tassidermisti.

Sempre più messa in discussione come modo di intrattenimento dignitoso ed etico, la caccia ai trofei influisce negativamente sulla sopravvivenza delle specie e mina gli sforzi di conservazione. I cacciatori di trofei spesso prendono di mira specie o animali rari e in pericolo con caratteristiche fisiche impressionanti e rimuovono gli individui essenziali per la riproduzione e il benessere dei gruppi di animali. Prendendo di mira animali così preziosi, i cacciatori di trofei, direttamente e indirettamente, contribuiscono al declino della loro popolazione, sconvolgono la struttura sociale degli animali e riducono la resilienza. L'industria della caccia ai trofei stimola la domanda di parti e prodotti di specie in via di estinzione e incentiva e dà la priorità alla loro uccisione attraverso schemi di premi e altre promozioni, in particolare per specie rare e preziose, che costituiscono un crimine ecologico.

Inutile aggiungere che l'uccisione di specie protette e in via di estinzione è principalmente un privilegio dei cacciatori stranieri, residuo dell'epoca coloniale, mentre l'accesso alla fauna selvatica e alla terra è spesso limitato alla gente del posto. Questa privazione dei diritti civili delle comunità locali, unita agli effetti di impatto sociale della caccia ai trofei, può piuttosto alimentare il conflitto uomo-animale piuttosto che mitigarlo. Questo particolare aspetto è ulteriormente aggravato dall'incapacità della caccia ai trofei di fornire significativi benefici economici alle comunità locali, contrariamente a quanto affermato dalla lobby della caccia ai trofei. In effetti, poiché la maggior parte delle cacce viene condotta su terreni privati ​​e il settore venatorio è afflitto da una corruzione endemica, i proventi della caccia ai trofei arricchiscono gli operatori di caccia, i proprietari di fattorie private e le élite locali, patrocinando il rilascio di vari permessi di caccia.

pubblicità

“Alla Born Free, abbiamo fatto una lunga campagna per la fine della caccia ai trofei per motivi morali ed etici. In questo momento di crisi per la fauna selvatica e la biodiversità, non può essere giusto che i cacciatori europei possano pagare per uccidere animali selvatici minacciati, sia all'interno dell'UE che all'estero, e spedire i trofei a casa. La caccia ai trofei provoca immense sofferenze agli animali mentre fa poco o nulla per la conservazione della fauna selvatica o delle comunità locali.

Infatti, in molti casi i cacciatori di trofei rimuovono singoli animali chiave da popolazioni fragili, danneggiandone l'integrità sociale e genetica. È tempo che i responsabili politici dell'Unione europea ascoltino la stragrande maggioranza dei loro cittadini e pongano fine alla caccia ai trofei all'interno dell'UE e all'importazione di trofei, cercando al contempo modi alternativi e più efficaci per reperire risorse per la protezione della fauna selvatica e lo sviluppo della comunità locale", ha affermato Mark Jones, PhD, capo della politica presso Born Free.

La caccia ai trofei non solo ostacola gli sforzi di conservazione e genera benefici economici minimi, ma solleva anche preoccupazioni etiche e di benessere degli animali. Sparare agli animali per divertimento semplicemente per ottenere un trofeo come status symbol è eticamente ingiustificabile, ignora il loro valore intrinseco riducendoli a merce e pone un prezzo alla morte che riflette l'importo che i cacciatori stranieri sono disposti a pagare per l'uccisione. Inoltre, i cacciatori di trofei spesso impiegano e incentivano metodi di caccia che aumentano la sofferenza dell'animale, come l'uso di archi e frecce, avancarica, pistole o cani che inseguono gli animali per ore fino all'esaurimento.

Joanna Swabe, PhD, direttore senior degli affari pubblici presso Humane Society International/Europe, ha dichiarato: "Il vantaggio economico - che è minimo nella migliore delle ipotesi nel settore della caccia ai trofei - non è una scusa per consentire l'uccisione disumana di animali per divertimento o per compensare per i danni biologici ed ecologici spesso irreversibili che provoca alle specie protette quando sono disponibili flussi di reddito alternativi e più redditizi per gli sforzi di sviluppo e conservazione. In qualità di maggiori importatori di trofei di caccia al mondo, gli Stati Uniti e l'UE hanno l'obbligo morale di smettere di contribuire a questa industria dannosa attraverso l'importazione di trofei di caccia e di istituire politiche che sostengano forme etiche di aiuti esteri, turismo e industria".

In tutto il mondo i cittadini si oppongono in modo chiaro ed eloquente alla caccia ai trofei e all'importazione di parti del corpo di animali uccisi, cacciando così i trofei. Sondaggi nell'Unione Europea, in Svizzera e negli Stati Uniti confermano che tra il 75% e il 96% degli intervistati si oppone alla caccia ai trofei in quanto tale e alle attività derivanti. La maggioranza assoluta degli europei sostiene i divieti di importazione per i trofei.

Secondo i sondaggi In Sud Africa, il principale esportatore africano di trofei di caccia di specie protette, la maggioranza del 64% degli intervistati disapprova la caccia ai trofei. “Con la pratica non etica della caccia ai trofei che da decenni danneggia la conservazione delle specie e l'economia, un cambiamento politico è atteso da tempo. Insieme, con una voce unita di 137 ONG di tutto il mondo, chiediamo ai governi di assumersi la responsabilità della protezione delle specie e della biodiversità e di vietare l'importazione di trofei di caccia". Ha concluso Reineke Hameleers, CEO di Eurogroup for Animals.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending