Seguici sui social

Ambiente

Nuova strategia industriale dell'UE: le sfide da affrontare

Pubblicato

on

I deputati chiedono che la futura strategia industriale dell'UE aiuti le imprese a sopravvivere alla crisi COVID-19 e ad affrontare le transizioni digitali e ambientali. Scopri come.

Le imprese europee sono state duramente colpite dal Pandemia di COVID-19, poiché molti hanno dovuto chiudere o ridurre la propria forza lavoro trovando nuovi modi di lavorare nell'ambito di nuove misure restrittive. Prima di effettuare le necessarie transizioni digitali e verdi, l'industria dell'UE deve riprendersi dalla pandemia.

Durante la plenaria di novembre, i deputati ribadiranno il loro invito alla Commissione europea a rivedere la sua proposta di marzo 2020 sui nuova strategia industriale. In un progetto di relazione adottato il 16 ottobre, i membri del comitato dell'industria, della ricerca e dell'energia hanno chiesto a cambiamento nell'approccio dell'UE alla politica industriale sulla scia della pandemia aiutando le imprese a far fronte alla crisi e ad affrontare le transizioni digitali e ambientali.

Come il Parlamento prevede il panorama industriale dell'UE

L'industria rappresenta oltre il 20% dell'economia dell'UE e impiega circa 35 milioni di persone, con molti milioni di posti di lavoro in più ad essa collegati in patria e all'estero. Inoltre rappresenta l'80% delle esportazioni di merci. L'UE è anche uno dei principali fornitori e destinazioni globali per gli investimenti diretti esteri.

Nel contesto della nuova strategia industriale, l'UE dovrebbe consentire alle imprese di contribuire alla sua clima neutralità obiettivi - come delineato in Affare verde road map - sostenere le imprese, in particolare le piccole e medie imprese nella transizione verso un'economia digitale e carbon neutral e contribuire a creare posti di lavoro di alta qualità, senza compromettere la competitività dell'UE.

Secondo i deputati; tale strategia dovrebbe consistere in due fasi: una fase di ripresa per consolidare i posti di lavoro, riattivare la produzione e adattarsi a un periodo post-COVID; seguita da ricostruzione e trasformazione industriale.

Leggi le principali misure dell'UE per avviare la ripresa economica.

Consentire alle piccole imprese di raggiungere una crescita sostenibile

Le piccole e medie imprese sono la spina dorsale dell'economia dell'UE e rappresentano oltre il 99% di tutte le imprese europee. La strategia industriale dovrebbe concentrarsi su di loro, in quanto molti hanno contratto debiti a causa delle misure nazionali del coronarivus, riducendo la loro capacità di investimento, che rischia di innescare una crescita lenta a lungo termine.

Aiutare l'industria a riprendersi dalla crisi socioeconomica

Il COVID Fondo di recupero fa parte della prima fase di risposta all'emergenza e dovrebbe essere distribuito in base al livello di danno subito, alle sfide affrontate e all'importo del sostegno finanziario già ricevuto attraverso i regimi di aiuti nazionali.

La preferenza dovrebbe essere data alle imprese e alle piccole imprese orientate alla trasformazione digitale e ambientale e su cui investono attività ecosostenibili.

I deputati vogliono:

  • Garantire che le transizioni verdi e digitali siano eque e socialmente giuste e siano seguite da iniziative di formazione dei lavoratori.
  • Creare una nuova valutazione dell'impatto dei potenziali costi e oneri della transizione per le aziende europee, comprese le piccole e medie imprese.
  • Assicuratevi che gli aiuti di Stato forniti nella fase di emergenza non portino a distorsioni permanenti nel mercato unico.
  • Riportare le industrie strategiche nell'UE.

Investire in imprese più verdi, digitali e innovative

Durante la seconda fase, la strategia industriale dovrebbe garantire competitività, resilienza e sostenibilità a lungo termine. Gli obiettivi includono:

  • Concentrandosi sugli aspetti sociali del cambiamento strutturale.
  • Rivitalizzare i territori che fanno affidamento sui combustibili fossili utilizzando il Solo fondo di transizione, che fa parte dell'UE piano finanziario per il clima.
  • Garantire che le sovvenzioni dell'UE vadano alle società sostenibili dal punto di vista ambientale e rafforzare il finanziamento sostenibile alle aziende nel processo di decarbonizzazione.
  • Usando il Meccanismo Border Carbon Adjustments contribuire a proteggere i produttori e i posti di lavoro dell'UE dalla concorrenza internazionale sleale.
  • Avere un'industria farmaceutica basata sulla ricerca e a carenza di farmaci piano di mitigazione del rischio.
  • Sfruttare l'economia circolare, privilegiando il principio "efficienza energetica prima di tutto", risparmio energetico e tecnologie delle energie rinnovabili.
  • Usare il gas per abbandonare i combustibili fossili e l'idrogeno come potenziale tecnologia rivoluzionaria.
  • Investire in intelligenza artificiale e l'attuazione di un mercato unico europeo dei dati e del digitale, costruendo un migliore sistema di tassazione digitale e sviluppando standard europei sulla cibersicurezza.
  • Investire di più in ricerca e sviluppo.
  • Revisione delle norme antitrust dell'UE per garantire la competitività globale.

Cambiamento climatico

La BCE istituisce un centro sul cambiamento climatico

Pubblicato

on

La Banca centrale europea (BCE) ha deciso di creare un centro sul cambiamento climatico per riunire il lavoro sulle questioni climatiche in diverse parti della banca. Questa decisione riflette la crescente importanza del cambiamento climatico per l'economia e la politica della BCE, nonché la necessità di un approccio più strutturato alla pianificazione strategica e al coordinamento.La nuova unità, che sarà composta da una decina di dipendenti che lavoreranno con i team esistenti in tutta la banca, riferirà al presidente della BCE Christine Lagarde (nella foto), che sovrintende al lavoro della BCE sui cambiamenti climatici e la finanza sostenibile. "Il cambiamento climatico colpisce tutte le nostre aree politiche", ha affermato Lagarde. "Il centro sul cambiamento climatico fornisce la struttura di cui abbiamo bisogno per affrontare la questione con l'urgenza e la determinazione che merita".Il centro sul cambiamento climatico modellerà e guiderà l'agenda climatica della BCE internamente ed esternamente, basandosi sulle competenze di tutti i team che già lavorano su temi legati al clima. Le sue attività saranno organizzate in flussi di lavoro, che vanno dalla politica monetaria alle funzioni prudenziali, e supportate da personale che dispone di dati e competenze in materia di cambiamenti climatici. Il centro sul cambiamento climatico inizierà i suoi lavori all'inizio del 2021.

La nuova struttura sarà riesaminata dopo tre anni, poiché l'obiettivo è infine di incorporare considerazioni sul clima nelle attività di routine della BCE.

  • I cinque flussi di lavoro del centro sul cambiamento climatico si concentrano su: 1) stabilità finanziaria e politica prudenziale; 2) analisi macroeconomica e politica monetaria; 3) operazioni e rischi sui mercati finanziari; 4) politica e regolamentazione finanziaria dell'UE; e 5) sostenibilità aziendale.

Continua a leggere

Ambiente

Il Regno Unito e la Francia possono guidare la mobilitazione degli investimenti per la protezione delle foreste tropicali

Pubblicato

on

La mancanza di finanziamenti adeguati è stata a lungo una delle maggiori sfide per le soluzioni climatiche naturali. Attualmente, le principali fonti di reddito da foreste, ecosistemi marini o zone umide provengono dall'estrazione o dalla distruzione. Dobbiamo cambiare l'economia sottostante per rendere gli ecosistemi naturali più preziosi vivi che morti. Se non lo facciamo, la distruzione della natura continuerà a ritmo serrato, contribuendo al cambiamento climatico irreversibile, alla perdita di biodiversità e devastando la vita e il sostentamento delle popolazioni locali e indigene, scrive il direttore esecutivo di Emergent Eron Bloomgarden.

La buona notizia è che il 2021 inizia in modo promettente. All'inizio di questo mese al One Planet Summit, impegni finanziari significativi sono stati fatti per la natura. Il principale tra questi è stato l'impegno del primo ministro britannico Boris Johnson di spendere almeno 3 miliardi di sterline di finanziamenti internazionali per il clima per la natura e la biodiversità nei prossimi cinque anni. Prima di questo annuncio, 50 Paesi impegnati a proteggere almeno il 30% delle loro terre e degli oceani.

Questa è una buona notizia. Non c'è soluzione alle crisi climatiche o di biodiversità senza porre fine alla deforestazione. Le foreste rappresentano circa un terzo delle potenziali riduzioni delle emissioni necessarie per raggiungere gli obiettivi fissati nell'accordo di Parigi. Contengono 250 miliardi di tonnellate di carbonio, un terzo del budget di carbonio rimanente al mondo per mantenere l'aumento della temperatura a 1.5 gradi Celsius al di sopra dell'era preindustriale. Assorbono circa il 30% delle emissioni globali, detengono il 50% della biodiversità terrestre rimanente del mondo e sostengono i mezzi di sussistenza di oltre un miliardo di persone che dipendono da loro. In altre parole, porre fine alla deforestazione tropicale (parallelamente alla decarbonizzazione dell'economia) è essenziale se vogliamo mantenere il percorso a 1.5 gradi e preservare la nostra biodiversità essenziale.

La domanda è come impegnare questo finanziamento in un modo che spinga a porre fine alla deforestazione, per sempre.

Per questo, la protezione delle foreste tropicali deve avvenire in interi paesi o stati, lavorando con governi e responsabili politici, che con il giusto mix di finanziamenti pubblici e privati, possono impegnarsi a ridurre la deforestazione su vasta scala.

Questa non è un'idea nuova e si basa sulle lezioni apprese negli ultimi due decenni. Fondamentale tra questi è che i programmi su larga scala non si concretizzeranno in assenza di livelli massicciamente aumentati di sostegno sia pubblico che privato. Anche un sostegno finanziario pari a centinaia di milioni di dollari non è sempre sufficiente a dare ai paesi la fiducia che i programmi di protezione forestale su larga scala valgono l'investimento iniziale in capitale monetario e politico.

L'entità del finanziamento necessario è molto al di là di ciò che si può realisticamente ottenere con i flussi di aiuti da governo a governo o con i soli finanziamenti per la conservazione; anche il capitale del settore privato deve essere mobilitato.

Il modo migliore per raggiungere questo obiettivo è utilizzare i mercati internazionali per i crediti di carbonio e capitalizzare la crescente domanda da parte del settore privato di compensazioni di alta qualità e ad alto impatto mentre corrono verso obiettivi di emissioni nette zero. Con tale sistema, i governi ricevono pagamenti per le riduzioni delle emissioni che ottengono prevenendo la perdita e / o il degrado delle foreste.

La chiave è che i governi donatori come il Regno Unito, la Francia e il Canada contribuiscano a costruire l'infrastruttura per valutare adeguatamente la natura, incluso il sostegno alla conservazione e alla protezione, nonché l'istituzione e l'espansione di mercati del carbonio volontari e conformi che includono l'accreditamento per i crediti forestali.

Su quest'ultimo punto, seguendo l'esempio della Norvegia, possono utilizzare parte del finanziamento promesso per stabilire un prezzo minimo per i crediti generati da programmi su larga scala. Questo approccio lascia la porta aperta agli acquirenti privati ​​per pagare potenzialmente un prezzo più alto alla luce della crescente domanda di tali crediti, dando ai governi dei paesi forestali la tranquillità che c'è un acquirente garantito, qualunque cosa accada.

Siamo a un punto di svolta in cui nuovi significativi programmi di protezione delle foreste potrebbero essere mobilitati da un aumento quantico della finanza pubblica e privata. I governi donatori sono ora in grado di garantire miliardi di dollari di cofinanziamento da una serie di attori privati ​​al fine di sostenere i programmi nazionali di protezione delle foreste che generano crediti di carbonio. Incanalare ulteriori fondi pubblici e basati sulla missione catalizzerà gli investimenti privati ​​e sarebbe trasformativo nell'accelerare lo sviluppo di questo mercato critico, che andrebbe a vantaggio della ripresa verde, del merito di credito dei paesi forestali e del benessere del pianeta e dell'umanità.

Continua a leggere

Ambiente

Diplomazia climatica: l'EVP Timmermans e l'AR / VP Borrell accolgono con favore il ritorno degli Stati Uniti all'accordo di Parigi e si impegnano con l'inviato presidenziale per il clima John Kerry

Pubblicato

on

Dopo l'insediamento del presidente Biden, l'UE si sta immediatamente impegnando con la nuova amministrazione statunitense per affrontare la crisi climatica. In una videoconferenza bilaterale il 21 gennaio, il vicepresidente esecutivo per il Green Deal, Frans Timmermans, discuterà della preparazione del vertice sul clima della COP26 con l'inviato presidenziale speciale degli Stati Uniti per il clima John Kerry. Il Vicepresidente esecutivo Timmermans e l'Alto rappresentante / Vicepresidente Josep Borrell hanno rilasciato un Dichiarazione comune, salutando con favore la decisione del presidente Biden per gli Stati Uniti di aderire nuovamente all'accordo di Parigi: “Non vediamo l'ora di avere di nuovo gli Stati Uniti al nostro fianco nel guidare gli sforzi globali per combattere la crisi climatica. La crisi climatica è la sfida decisiva del nostro tempo e può essere affrontata solo unendo tutte le nostre forze. L'azione per il clima è la nostra responsabilità globale collettiva. La COP26 di Glasgow questo novembre sarà un momento cruciale per aumentare l'ambizione globale e utilizzeremo i prossimi incontri del G7 e del G20 per costruire in tal senso. Siamo convinti che se tutti i paesi si uniranno a una corsa globale a zero emissioni, l'intero pianeta vincerà ".

L'UE ha presentato un nuovo Contributo determinato a livello nazionale al Segretariato dell'UNFCCC nel dicembre 2020, nell'ambito della sua attuazione dell'accordo di Parigi. L'UE si è impegnata a una riduzione netta del 55% delle sue emissioni di gas a effetto serra entro il 2030, rispetto ai livelli del 1990, come trampolino di lancio per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050. La dichiarazione congiunta è disponibile online qui.

Continua a leggere
pubblicità

Twitter

Facebook

Trending