Seguici sui social

Repubblica Ceca

La Commissione approva aiuti cechi per 21 milioni di euro a sostegno della bonifica ambientale del sito dell'ex raffineria di #Ostrava

Pubblicato

on

La Commissione europea ha approvato, in base alle norme UE in materia di aiuti di Stato, una misura ceca per sostenere la bonifica ambientale dell'ex raffineria OSTRAMO. Tutte le attività industriali della raffineria, situata nella città ceca di Ostrava, sono cessate nel 1997. Nonostante la chiusura e la chiusura delle attività della raffineria, il sito è ancora contaminato, in particolare dagli idrocarburi del petrolio che sono normalmente presenti nel petrolio greggio.

Il sostegno, con un budget di circa 600 milioni di CZK (circa 21 milioni di euro), assumerà la forma di una sovvenzione diretta al locatario dell'ex raffineria OSTRAMO, Global Networks sro La misura è destinata a sostenere la decontaminazione del suolo e demolizione di edifici necessari per la bonifica del sito stesso contaminato. La Commissione ha valutato la misura in base alle norme UE in materia di aiuti di Stato, in particolare l ' Linee guida sugli aiuti di Stato per la protezione dell'ambiente e l'energia 2014-2020. La Commissione ha riscontrato che la misura proteggerà la salute e il benessere dei cittadini dai rischi e dagli impatti ambientali, in linea con l ' Green Deal europeo. La Commissione ha inoltre riscontrato che l'aiuto è limitato al minimo necessario e che gli effetti positivi dell'aiuto sull'ambiente e sulla salute pubblica superano qualsiasi potenziale effetto negativo provocato dall'intervento pubblico. Infine, la Commissione ha concluso che la misura è in linea con il "principio chi inquina paga". In base a questo principio, i costi delle misure per far fronte all'inquinamento dovrebbero essere sostenuti dalla società che causa l'inquinamento. Pertanto, gli aiuti per la decontaminazione dei siti possono essere concessi solo se la società beneficiaria non è responsabile dell'inquinamento. In questo caso, la Commissione ha concluso che il beneficiario dell'aiuto non è responsabile della contaminazione.

Su questa base, la Commissione ha approvato la misura in base alle norme dell'UE sugli aiuti di Stato. Maggiori informazioni saranno disponibili sulla Commissione sito Web della concorrenzae nei registro caso pubblico sotto il numero di caso SA.55522 una volta risolti tutti i problemi di riservatezza.

Repubblica Ceca

La Commissione approva gli aiuti agli investimenti per i frutteti e le irrigazioni ceche; avvia indagini approfondite sulle misure ceche a favore delle grandi aziende agricole

Pubblicato

on

La Commissione europea ha approvato due regimi cechi di sostegno agli investimenti per la ristrutturazione dei frutteti e dell'irrigazione, aprendo un'indagine approfondita per valutare se gli aiuti agli investimenti concessi ad alcune grandi imprese attive nel settore agricolo in passato fossero in linea con le norme dell'UE sugli aiuti di Stato nel settore agricolo. Parallelamente, la Commissione ha avviato un'indagine approfondita per valutare se gli aiuti passati e programmati ad alcune grandi imprese a sostegno dell'assicurazione dei raccolti e del bestiame siano in linea con le norme dell'UE sugli aiuti di Stato nel settore agricolo.

Aiuti agli investimenti alle grandi imprese per la ristrutturazione dei frutteti e l'irrigazione

La Repubblica Ceca ha notificato alla Commissione i suoi piani per attuare due regimi di aiuto a sostegno delle imprese attive nel settore agricolo, indipendentemente dalle loro dimensioni, che investono nella ristrutturazione dei frutteti e nell'irrigazione. Il budget stimato dei regimi era rispettivamente di 52.4 milioni di euro e 21 milioni di euro.

La Commissione ha riscontrato che l'aiuto che le autorità ceche intendono concedere in futuro nell'ambito dei due regimi notificati è in linea con le condizioni stabilite negli orientamenti sugli aiuti di Stato per l'agricoltura del 2014 per quanto riguarda tutti i tipi di beneficiari. Su questa base, la Commissione ha approvato le misure ai sensi delle norme UE sugli aiuti di Stato.

Per quanto riguarda il passato, durante la sua valutazione delle misure proposte, la Commissione ha riscontrato che, negli anni precedenti, alcuni dei beneficiari di tali regimi erano stati erroneamente qualificati dalle autorità ceche concedenti come piccole o medie imprese (PMI), mentre erano in realtà grandi imprese. La Commissione ha riscontrato che tali grandi imprese avevano ricevuto aiuti sulla base dei regimi cechi esistenti, che sono esentati per categoria ai sensi del regolamento di esenzione per categoria nel settore agricolo e sono accessibili solo alle PMI.

Gli orientamenti sugli aiuti di Stato per l'agricoltura del 2014 della Commissione consentono agli Stati membri di concedere aiuti agli investimenti a favore di imprese di tutte le dimensioni, a determinate condizioni. Quando gli aiuti agli investimenti sono concessi a grandi imprese, a causa dei suoi potenziali effetti di distorsione, devono essere soddisfatte alcune condizioni aggiuntive per garantire che eventuali distorsioni della concorrenza siano ridotte al minimo. In particolare, gli aiuti agli investimenti alle grandi imprese devono: (i) avere un reale effetto di incentivazione, ossia i beneficiari non effettuerebbero l'investimento in assenza del sostegno pubblico (vale a dire uno "scenario controfattuale" che descrive la situazione in assenza dell'aiuto); e (ii) essere ridotti al minimo necessario sulla base di informazioni specifiche.

In questa fase, la Commissione dubita che gli aiuti già concessi dalla Cechia alle grandi imprese soddisfino tali condizioni, in particolare a causa dell'assenza di presentazione di uno scenario controfattuale per garantire che gli aiuti concessi alle grandi imprese in passato fossero proporzionati .

La Commissione esaminerà ora ulteriormente per determinare se le sue preoccupazioni iniziali siano confermate. L'apertura di un'indagine approfondita offre a tutte le parti interessate l'opportunità di presentare osservazioni sulla misura. Non pregiudica in alcun modo l'esito dell'indagine.

Aiuti a sostegno del premio assicurativo per il raccolto e il bestiame per le grandi imprese

La Repubblica Ceca ha notificato alla Commissione i suoi piani per concedere 25.8 milioni di euro di sostegno pubblico per il premio assicurativo per il raccolto e il bestiame alle grandi imprese.

La valutazione della Commissione ha rivelato che tale sostegno era già stato concesso in passato a beneficiari che erano stati erroneamente qualificati dalle autorità ceche concedenti come PMI, mentre in realtà erano grandi imprese.

In questa fase, la Commissione dubita che in passato gli aiuti cechi per i premi assicurativi per il raccolto e il bestiame soddisfino i requisiti previsti dagli orientamenti sugli aiuti di Stato per l'agricoltura del 2014 per le grandi imprese. A questo proposito, in assenza della presentazione di uno scenario controfattuale da parte dei beneficiari erroneamente qualificati come PMI, è improbabile che le autorità ceche possano garantire che l'aiuto concesso alle grandi imprese abbia un effetto di incentivazione.

Nell'ambito del regime notificato dalla Repubblica Ceca, i beneficiari dovranno richiedere l'aiuto solo nella fase di pagamento del premio assicurativo e non prima di aver firmato il contratto di assicurazione. La Commissione dubita quindi in questa fase che la misura abbia un reale effetto di incentivazione, in altre parole che i beneficiari non concluderebbero contratti di assicurazione in assenza del sostegno pubblico. Anche nel caso di aiuti passati e programmati a sostegno del premio assicurativo per il raccolto e il bestiame per le grandi imprese, la Commissione esaminerà ulteriormente per determinare se le sue preoccupazioni iniziali siano confermate. L'apertura di un'indagine approfondita offre a tutte le parti interessate l'opportunità di presentare osservazioni sulla misura. Non pregiudica in alcun modo l'esito dell'indagine.

sfondo

In considerazione delle possibilità di finanziamento spesso ridotte degli agricoltori, gli orientamenti della Commissione del 2014 sugli aiuti di Stato nei settori agricolo e forestale e nelle zone rurali consentono agli Stati membri di sostenere investimenti e premi assicurativi per le imprese. Tuttavia, le misure dovrebbero soddisfare una serie di condizioni, in particolare:

  • Il principio "effetto incentivo": la domanda di aiuto deve essere presentata prima dell'inizio dell'attività sovvenzionata;
  • l'obbligo per le grandi imprese di dimostrare l '"effetto di incentivazione" attraverso uno "scenario controfattuale": devono presentare prove documentali che dimostrino cosa sarebbe successo in una situazione in cui l'aiuto non era stato concesso;
  • l'aiuto deve essere proporzionato, e;
  • condizioni specifiche relative ad attività ammissibili, costi ammissibili e intensità di aiuto.

Le piccole e medie imprese (PMI) sono definite in Allegato I al regolamento (UE) 702/2014 della Commissione. Lo stesso regolamento spiega che lo sviluppo delle PMI può essere limitato dai fallimenti del mercato. Le PMI in genere hanno difficoltà ad ottenere capitali o prestiti, data la natura avversa al rischio di alcuni mercati finanziari e le limitate garanzie che possono essere in grado di offrire. Le loro risorse limitate possono anche limitare il loro accesso alle informazioni, in particolare per quanto riguarda le nuove tecnologie e i mercati potenziali. Come i tribunali dell'Unione hanno costantemente confermato, la definizione di PMI deve essere interpretata in modo restrittivo.

La versione non riservata delle decisioni sarà resa disponibile con i numeri SA.50787, SA.50837 e SA. SA.51501 nel registro degli aiuti di Stato sulla Commissione concorrenza sito Web una volta risolti tutti i problemi di riservatezza. Nuove pubblicazioni di decisioni sugli aiuti di Stato su Internet e nella Gazzetta ufficiale sono elencate nel State Aid Weekly e-News.

 

Continua a leggere

Repubblica Ceca

Politica di coesione dell'UE: 160 milioni di euro per modernizzare il trasporto ferroviario in Cechia

Pubblicato

on

Immettere il Anno ferroviario 2021 dell'UE, la Commissione Europea ha approvato oggi un investimento di oltre 160 milioni di euro dal Fondo di coesione sostituire la linea unica tra Sudoměřice u Tábora e Votice in Cechia con una nuova ferrovia a doppio binario lunga 17 km. Ciò consentirà il passaggio di treni a lunga percorrenza ad alta velocità e più treni merci e regionali. Il commissario per la Coesione e le riforme Elisa Ferreira ha dichiarato: “Questo progetto modernizzerà il trasporto ferroviario in Repubblica Ceca, rendendo la sua rete ferroviaria più competitiva e attraente rispetto ad altri modi di trasporto più inquinanti e pericolosi. Ciò porterà grandi benefici alle persone e alle imprese non solo in Cechia ma anche nel resto dell'Europa centrale ".

Il progetto contribuirà a una maggiore capacità e competitività del trasporto ferroviario. Ciò dovrebbe incoraggiare il passaggio dal trasporto stradale a quello ferroviario, che apporterà benefici ambientali, sotto forma di minore inquinamento acustico e atmosferico, contribuendo allo sviluppo socioeconomico nella Boemia meridionale e centrale. La nuova linea sul corridoio ferroviario Praga-České Budějovice faciliterà l'accesso alle città di České Budějovice e Praga e alla città di Tábor, rendendo più facile per le persone soddisfare la domanda di lavoro in questi centri urbani. Questo progetto fa parte della ferrovia transeuropea che collega la Germania e l'Austria attraverso la Repubblica Ceca e dovrebbe iniziare ad essere operativo nel primo trimestre del 2023.

Continua a leggere

Coronavirus

La Commissione approva un programma ceco da 7.5 milioni di euro a sostegno delle imprese situate nella città di Pilsen colpita dall'epidemia di coronavirus

Pubblicato

on

La Commissione europea ha approvato uno schema ceco da 7.5 milioni di euro per sostenere le imprese situate nella città di Pilsen colpita dall'epidemia di coronavirus. Il regime è stato approvato nell'ambito degli aiuti di Stato Quadro temporaneo. Lo scopo dell'aiuto è porre rimedio a un grave turbamento dell'economia ceca e aiutare le imprese e le organizzazioni situate a Pilsen a preservare la continuità economica. Inoltre integra altri programmi di sostegno del governo ("Programma di affitto COVID", "Programma COVID-SPORT" e "Programma ANTIVIRUS").

Il programma è aperto ai beneficiari attivi in ​​tutti i settori ad eccezione delle istituzioni finanziarie. Consiste nelle seguenti sottomisure: sconto sull'affitto e differimento del pagamento dell'affitto per locali non residenziali di proprietà della città, differimento della data di scadenza per i pagamenti in affitto di terreni agricoli e terreni per attività di sviluppo, sovvenzioni dirette per organizzazioni cofinanziate con fondi pubblici o fondata dalla Città di Pilsen e per società sportive e organizzazioni culturali non istituite dalla Città di Pilsen.

La Commissione ha riscontrato che il regime ceco è in linea con le condizioni stabilite nel quadro temporaneo. In particolare, l'aiuto totale ricevuto dai beneficiari non supererà 800,000 euro per impresa (120,000 euro per impresa attiva nel settore della pesca e acquacoltura o 100,000 euro per impresa attiva nella produzione primaria di prodotti agricoli. La Commissione ha concluso che la misura è necessaria , appropriato e proporzionato per porre rimedio a un grave turbamento dell'economia di uno Stato membro, in linea con l'articolo 107, paragrafo 3, lettera b), del TFUE e le condizioni stabilite nel quadro temporaneo.

Su questa base, la Commissione ha approvato la misura ai sensi delle norme dell'UE in materia di aiuti di Stato. Ulteriori informazioni sul quadro temporaneo e altre azioni intraprese dalla Commissione per affrontare l'impatto economico della pandemia di coronavirus sono disponibili qui. La versione non riservata della decisione sarà resa disponibile con il numero SA.58430 nel registro degli aiuti di Stato sulla Commissione concorrenza sito Web una volta risolti tutti i problemi di riservatezza.

Continua a leggere
pubblicità

Twitter

Facebook

Trending