Seguici sui social

Ambiente

L'UE ha deciso di mettere fine al motore a combustione entro due decenni

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

Camion in coda sull'autostrada A16 per entrare nel tunnel sotto la Manica a Calais, nel nord della Francia, 17 dicembre 2020. REUTERS/Pascal Rossignol
Un'auto elettrica viene vista collegata a un punto di ricarica per veicoli elettrici a Roma, Italia, 28 aprile 2021. REUTERS/Guglielmo Mangiapane

Mercoledì (13 luglio) l'Unione europea ha proposto misure come parte di un ampio pacchetto sul clima, che segnano la fine delle vendite di auto a benzina (benzina) e diesel entro 20 anni e accelerano il passaggio alla propulsione elettrica, scrivere Nick Carey, Kate Abnet e Ilona Wissenbach.

Molte case automobilistiche hanno già annunciato enormi investimenti nell'elettrificazione, in parte in previsione di obiettivi di emissioni più severi, ma vogliono sapere se l'UE li sosterrà costruendo stazioni di ricarica pubbliche e quanto presto vorrà eliminare gradualmente i veicoli ibridi elettrici/a combustione.

"Entro il 2040, la maggior parte dei modelli delle case automobilistiche sarà comunque praticamente elettrificata", ha affermato Nick Parker, amministratore delegato della società di consulenza AlixPartners. "La domanda è se loro (l'UE) potrebbero provare a forzare il viaggio lungo la strada o lasciare che siano le singole case automobilistiche a decidere da sole quel percorso".

Il mese scorso, Volkswagen AG (VOWG_p.DE) ha affermato che smetterà di vendere auto con motori a combustione in Europa entro il 2035, e un po' più tardi in Cina e negli Stati Uniti, come parte del suo passaggio ai veicoli elettrici. Leggi di più.

E la scorsa settimana Stellantis (STLA.MI), la casa automobilistica n. 4 al mondo, ha dichiarato che investirà più di 30 miliardi di euro (35 miliardi di dollari) entro il 2025 nell'elettrificazione della sua gamma. Leggi di più.

Ma nonostante i progressi, le emissioni dell'UE dal trasporto su strada sono effettivamente aumentate negli ultimi anni e le nuove misure mirano ad allineare il settore con la strategia generale del blocco di arrivare a zero emissioni nette entro il 2050.

L'esecutivo dell'UE, la Commissione europea, presenterà obiettivi vincolanti sulle emissioni che in effetti renderanno impossibile la vendita di nuovi veicoli alimentati a combustibili fossili nel blocco di 27 paesi dal 2035 o dal 2040, secondo fonti che hanno familiarità con le discussioni.

pubblicità

L'obiettivo esistente di una riduzione del 37.5% delle emissioni di CO2 rispetto ai livelli attuali entro il 2030 dovrebbe essere sostituito da un taglio compreso tra il 50% e il 65%.

RICARICA

Le vendite di auto a basse emissioni sono aumentate in Europa lo scorso anno, anche se la pandemia di COVID-19 ha abbattuto le vendite complessive di veicoli e un'auto nuova su nove venduta era un'auto elettrica o ibrida plug-in. Leggi di più.

Tuttavia, l'elettrificazione completa è ancora molto lontana. Anche quando gli acquirenti sono in grado di permettersi il considerevole sovrapprezzo per un veicolo parzialmente o completamente elettrico, molti sono stati scoraggiati dall'"ansia da autonomia" a causa della mancanza di stazioni di ricarica pubbliche.

Le case automobilistiche hanno telegrafato che accetteranno obiettivi di emissione più severi solo in cambio di massicci investimenti pubblici nei caricabatterie, e ci sono segni che siano stati ascoltati.

Bruxelles dovrebbe proporre una legislazione che richiederebbe ai paesi di installare punti di ricarica pubblici a distanze prestabilite lungo le strade principali.

"Una data di fine per i motori a combustione interna aumenta la pressione che l'UE e gli Stati membri devono occuparsi dello sviluppo dell'infrastruttura di ricarica", ha affermato Patrick Hummel, analista di UBS. "Non può essere che le case automobilistiche debbano installare le stazioni di ricarica da sole".

Alcune case automobilistiche europee come BMW (BMWG.DE) e Renault (RENA.PA) hanno investito molto in ibridi plug-in - che hanno sia motori a combustione che motori elettrici - per affrontare questo problema a medio termine.

Ma con le credenziali ecologiche delle auto ibride sempre più messe in discussione, temono che gran parte di questo investimento sarà sprecato se vengono spinti a eliminarle troppo presto. Leggi di più.

AlixPartners stima che per il 2021 fino al 2025, le case automobilistiche e i fornitori a livello globale investiranno 330 miliardi di dollari nell'elettrificazione, un aumento del 41% rispetto alla stima di 250 miliardi di dollari per il periodo dal 2020 al 2024.

Tutte le proposte della Commissione dovranno essere negoziate e approvate dagli Stati membri dell'UE e dal Parlamento europeo.

($ 1 = € 0.8477)

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending