Seguici sui social

Economia

Il Parlamento vuole garantire il diritto alla disconnessione dal lavoro 

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

Il Parlamento vuole tutelare il diritto fondamentale dei dipendenti a disconnettersi dal lavoro ea non essere raggiungibili al di fuori dell'orario di lavoro.

Gli strumenti digitali hanno aumentato l'efficienza e la flessibilità per datori di lavoro e dipendenti, ma hanno anche creato una cultura costantemente attiva, con i dipendenti facilmente raggiungibili sempre e ovunque, anche al di fuori dell'orario di lavoro. La tecnologia ha reso possibile il telelavoro, mentre la pandemia di Covid-19 e i lockdown lo hanno reso diffuso. Il 37% dei lavoratori nell'UE ha iniziato a lavorare da casa durante un blocco.

Il telelavoro offusca la distinzione tra privato e professionale

Sebbene il telelavoro abbia salvato posti di lavoro e consentito a molte aziende di sopravvivere alla crisi della corona, ha anche offuscato la distinzione tra lavoro e vita privata. Molte persone devono lavorare al di fuori del normale orario di lavoro, peggiorando l'equilibrio tra lavoro e vita privata. Il 27% delle persone che lavorano da casa ha lavorato al di fuori dell'orario di lavoro.

Le persone che lavorano regolarmente al telelavoro hanno più del doppio delle probabilità di lavorare più dell'orario di lavoro massimo stabilito nell'UE direttiva sull'orario di lavoro di quelli che non lo fanno.

Tempi massimi di lavoro e minimi di riposo: 

  • Massimo 48 ore lavorative settimanali 
  • Minimo 11 ore consecutive di riposo giornaliero  
  • Almeno quattro settimane di ferie annuali retribuite all'anno 

Scopri cosa sta facendo l'UE per proteggere i posti di lavoro colpiti dalla pandemia.

pubblicità

Scopri di più sulle norme dell'UE sull'equilibrio tra lavoro e vita privata.

La connettività costante può causare problemi di salute

Il riposo è essenziale per il benessere delle persone e la costante connettività al lavoro ha conseguenze sulla salute. Stare seduti troppo a lungo davanti allo schermo e lavorare troppo riduce la concentrazione, provoca sovraccarico cognitivo ed emotivo e può portare a mal di testa, affaticamento degli occhi, affaticamento, privazione del sonno, ansia o esaurimento. Inoltre, una postura statica e movimenti ripetitivi possono causare affaticamento muscolare e disturbi muscolo-scheletrici, soprattutto in ambienti di lavoro che non rispettano gli standard ergonomici.

Il Parlamento chiede una nuova legge europea

Il diritto alla disconnessione non è definito nel diritto dell'UE. Il Parlamento vuole cambiarlo. Il 21 gennaio 2021 ha invitato la Commissione a presentare una legge consentendo ai dipendenti di disconnettersi dal lavoro durante le ore non lavorative senza conseguenze e fissando standard minimi per il lavoro a distanza.

Il Parlamento ha rilevato che le interruzioni dell'orario non lavorativo e l'estensione dell'orario di lavoro possono aumentare il rischio di lavoro straordinario non retribuito, possono avere un impatto negativo sulla salute, sull'equilibrio tra lavoro e vita privata e sul riposo dal lavoro; e ha chiesto le seguenti misure:

  • I datori di lavoro non dovrebbero richiedere che i lavoratori siano disponibili al di fuori dell'orario di lavoro e i colleghi dovrebbero astenersi dal contattare i colleghi per motivi di lavoro.
  • I paesi dell'UE dovrebbero garantire che i lavoratori che invocano il loro diritto alla disconnessione siano protetti dalla vittimizzazione e da altre ripercussioni e che siano in atto meccanismi per affrontare i reclami o le violazioni del diritto alla disconnessione.
  • Le attività di apprendimento e formazione professionale a distanza devono essere conteggiate come attività lavorative e non devono svolgersi durante gli straordinari o i giorni di riposo senza un'adeguata retribuzione.

Scopri di più su come l'UE migliora i diritti dei lavoratori e le condizioni di lavoro.

per ulteriori informazioni 

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending