Seguici sui social

Dogana

Gli organismi del commercio logistico chiedono un intervento sulle nuove dichiarazioni di importazione dell’UE

SHARE:

Pubblicato il

on


Le associazioni di categoria globali ed europee che rappresentano il trasporto commerciale hanno lanciato un avviso urgente a tutte le imprese coinvolte nella circolazione di merci verso o attraverso l’UE, la Norvegia, la Svizzera o l’Irlanda del Nord, via mare, strada o ferrovia. Il nuovo sistema di controllo delle importazioni (ICS2) inizierà ad essere introdotto a partire da giugno di quest'anno. 

Il World Shipping Council, la Federazione Internazionale degli Spedizionieri, il Global Shippers Forum, l'Associazione degli Agenti e Broker Marittimi della Comunità Europea, le Associazioni degli Armatori della Comunità Europea, le Associazioni Europee di Spedizioni, Trasporti, Logistica e Servizi Doganali, gli Spedizionieri Europei Il Consiglio e l'Unione internazionale dei trasporti stradali hanno sottolineato insieme l'importanza dei nuovi controlli e il loro impatto sulla circolazione delle merci verso o attraverso il territorio doganale europeo via mare, strada e ferrovia. 

La consapevolezza dell’implementazione dei nuovi requisiti è fondamentale, afferma il gruppo, così come lo è capire come l’ICS2 influenzerà le varie entità della catena di fornitura in momenti diversi e in modi distinti. 

ICS2 è un regime di sicurezza e protezione rafforzato introdotto congiuntamente dalle autorità doganali dell'UE che richiede che dettagli specifici sulle merci importate siano forniti prima del carico o prima dell'arrivo al confine dell'UE. 

I requisiti sono stati introdotti per le merci aeree nel 2023 e saranno estesi al trasporto marittimo a partire da giugno 2024 e per le importazioni in arrivo su strada o ferrovia nel 2025. I nuovi e ampi requisiti in materia di dati includono codici HS a sei cifre per ciascun articolo in una spedizione, un " descrizione accettabile" e informazioni dettagliate sull'acquirente e sul venditore. 

Gli organismi commerciali, ciascuno dei quali rappresenta diverse parti della catena di approvvigionamento, hanno esortato le imprese coinvolte nello spostamento di merci nell’UE a iniziare subito i preparativi per l’estensione dell’ICS2 e a cercare ulteriori informazioni su come saranno influenzate. Il sito web della Commissione europea è il posto migliore per iniziare.  

Il mancato rispetto dei requisiti ICS2 comporterà ritardi e interruzioni delle importazioni nell’UE e, potenzialmente, in conformità con la pratica degli Stati membri, multe e sanzioni per le persone responsabili della presentazione dei dati di sicurezza e protezione a ICS2.  

pubblicità

Gli sforzi di cooperazione tra le diverse parti coinvolte in tali spedizioni sono cruciali per mantenere le merci in movimento, come simboleggiato dall’appello congiunto all’azione da parte degli otto organismi commerciali.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending