Seguici sui social

Agricoltura

Agricoltura: la Commissione approva la prima indicazione geografica dell'Islanda, "Íslenskt lambakjöt", e una nuova della Turchia, "Antakya Künefesi" 

SHARE:

Pubblicato il

on

Il 13 marzo la Commissione ha approvato la prima denominazione di origine protetta (DOP) dell'Islanda, la "Íslenskt lambakjot'. 

«Íslenskt lambakjöt» è il nome dato alla carne di agnelli islandesi di razza pura, nati, allevati e macellati nell'isola d'Islanda. L'allevamento ovino ha una lunga e ricca tradizione culturale in Islanda. Le caratteristiche dell'«Íslenskt lambakjöt» consistono in primo luogo in un alto grado di tenerezza e in un sapore di selvaggina, dovuto al fatto che gli agnelli vagano liberamente in pascoli selvaggi delimitati e crescono nell'ambiente selvaggio e naturale dell'Islanda, dove si nutrono di erba e altre piante. La lunga tradizione della pastorizia tramandata da generazioni sull'isola ha portato a elevati standard di gestione del gregge e metodi di pascolo. Uno dei migliori esempi della cucina tradizionale islandese è la zuppa di carne di agnello. 

Anche la Commissione ha approvato oggi 'Antakya Kunefesi' da Türkiye come Indicazione Geografica Protetta (IGP). 'Antakya Künefesi' è uno dei pochi dolci che contengono formaggio in Turchia. Viene prodotto nella provincia di Hatay e nei suoi distretti e vengono utilizzati künefelik kadayıf (pasta leggermente cotta simile a un filo per künefe), formaggio fresco Antakya künefelik (formaggio per künefe), burro e sciroppo. La dimensione del dolce dipende dal numero di porzioni da consumare. La ricetta e le competenze di produzione sono state trasferite da una generazione all'altra sulla base del rapporto maestro-apprendistato. 

Queste nuove denominazioni andranno ad aggiungersi all'elenco dei 1,614 prodotti agricoli già tutelati. Maggiori informazioni nel database eAmbrosia e la schemi di qualità .

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending