Seguici sui social

Agricoltura

La Commissione propone l'etichettatura digitale per i prodotti fertilizzanti dell'UE per informare meglio gli utenti e ridurre i costi

SHARE:

Pubblicato il

on

La Commissione ha adottato una proposta sull'etichettatura digitale volontaria dei prodotti fertilizzanti dell'UE. Nell'UE, l'etichettatura digitale è già utilizzata per alcuni prodotti contenenti sostanze chimiche, ad esempio le batterie, e sono allo studio norme per l'etichettatura digitale per altri, come detergenti, cosmetici e prodotti chimici.

I fornitori di prodotti fertilizzanti che soddisfano gli standard UE in materia di salute, sicurezza e ambiente (con marchio CE) saranno autorizzati a fornire informazioni su un'etichetta digitale.

Ciò informerà meglio gli utenti, portando a un uso più efficiente dei prodotti fertilizzanti. Parallelamente semplificherà gli obblighi di etichettatura per i fornitori e ridurrà i costi: 57,000 euro all'anno per una grande azienda e 4,500 euro per una PMI.

L'etichettatura digitale sarà volontaria, il che significa che fornitori e rivenditori possono scegliere come comunicare le informazioni sull'etichettatura: un formato fisico, un formato digitale o una combinazione dei due. I prodotti venduti in confezioni agli agricoltori e ad altri consumatori di fertilizzanti continueranno ad avere le informazioni più importanti su un'etichetta fisica, ad esempio sulla sicurezza per la salute umana e l'ambiente, oltre all'etichetta digitale.

Questa proposta è stata inviata al Parlamento europeo e al Consiglio. Una volta adottate, le nuove norme si applicheranno due anni e mezzo dopo la loro adozione per consentire nel frattempo di decidere norme tecniche.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending