Seguici sui social

Economia

Una partnership sul clima che vale la pena incoraggiare

SHARE:

Pubblicato il

on

Mentre il Regno Unito si prepara alle prossime elezioni, previste per il 4 luglioth, molti esperti si aspettano il ritorno al potere del Partito laburista dopo 14 anni all'opposizione - scrive Guy Kioni.

Sotto la guida di Keir Starmer, il partito laburista ha concentrato la sua piattaforma principalmente su un piano per rivitalizzare l’economia, ridurre il costo della vita e inquadrare il paese come leader globale per i progressi sostenibili e tecnologici. Poiché il Regno Unito mira a raggiungere l’obiettivo zero entro il 2050, i laburisti, se eletti, avranno un’opportunità unica di rivolgere la propria attenzione e gli investimenti pubblici verso le tecnologie pulite. Una catena di approvvigionamento stabile e affidabile di minerali critici è fondamentale per supportare la produzione di tecnologia pulita nel Regno Unito e in tutta Europa. La City di Londra, essendo uno dei centri finanziari del mondo, dovrebbe anche essere incoraggiata a prendere in considerazione maggiori investimenti in ESG e minerali critici nei mercati emergenti, con particolare attenzione all’economia circolare.

Anche se nel marzo 2023 verrà presentata una strategia minerale critica globale, giustamente intitolata Resilienza per il futuro, è stato lanciato dall'allora Segretario di Stato per gli affari, l'energia e la strategia industriale, Rt Hon Kwasi Kwarteng, evidentemente altre questioni urgenti in corso ne hanno impedito l'effettiva attuazione. Fondamentale a questo proposito è la Repubblica Democratica del Congo (RDC), che attualmente funge da fornitore globale esattamente dei minerali critici necessari per la produzione di tale tecnologia pulita. A partire dal 2020, la RDC lo era fornendo fino al 69% del cobalto mondiale. Inoltre, minerali essenziali come coltan, cassiterite, oro e wolframite, molti dei quali non sono nomi familiari ma sono comunque vitali per la tecnologia dell’energia pulita, sono prodotta dalla RDC.

Purtroppo non è stata prestata sufficiente attenzione a questo ruolo fondamentale della RDC, il cui potenziale nei settori della sicurezza e della diplomazia internazionale è stato purtroppo ampiamente ignorato. Ciò alla luce dell'esecuzione del Legge sulla sicurezza del Ruanda. Trasformato in legge nell’aprile 2024, ai sensi della legge, l’asilo del Regno Unito doveva essere trasferito al Ruanda prima che le loro richieste di asilo fossero esaminate, portando alcuni parlamentari a dare priorità a questo rispetto al ruolo che la RDC può e dovrebbe svolgere nel garantire gli interessi energetici nazionali britannici.

Nel tentativo di proteggere le catene di approvvigionamento e trasformare la RDC in un hub globale per i minerali critici, il governo della RDC, sotto la guida del presidente Felix-Antoine Tshisekedi, ha investito $ 3.5 milioni in Buenassa, la prima società integrata di lavorazione e commercio dei metalli del paese, che finanzia una raffineria di rame e cobalto (impianto idrometallurgico), che dovrebbe essere operativa entro la fine del 2027. Situato nella provincia di Lualaba, nota per la sua significativa produzione di rame, il progetto Buenassa promuoverà l’industrializzazione stabilendo al contempo uno sviluppo economico verde sostenibile e circolare.

La RDC è rimasta impegnata nel processo di “estrazione intelligente dal punto di vista climatico”, amplificazione il loro ruolo di fornitore di minerali critici su una piattaforma globale. L'ex ministro dell'Industria della RDC, Julien Paluku disse riguardo alla centralità dei minerali critici per il futuro del Paese, e per quanto riguarda il progetto Buenassa in particolare, “Il Presidente della Repubblica Democratica del Congo, Félix Antoine Tshisekedi, sollecita l’arricchimento locale e l’aggiunta di valore ai minerali critici del Paese è ben dotato. Questa raccomandazione è un pilastro fondamentale del suo programma presidenziale per la prosperità del popolo congolese, così come della sua strategia di sicurezza nazionale”.

pubblicità

A margine dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite del 2023, il presidente Tshisekedi ha annunciato il suo sostegno e la sua attenzione per il Iniziativa Buenassa, che spera possa fungere da pilastro fondamentale della sicurezza nazionale del paese e fornire la prosperità tanto necessaria ai cittadini. Tshisekedi lo era Rieletto nel dicembre 2023 su una piattaforma che mira a garantire la crescita economica, aumentare la sicurezza nell’est e ripristinare le relazioni internazionali del Paese.

Il sostegno al progetto Buenassa integra questo programma con il modo in cui anch'esso cerca di rivitalizzare l'industria nel paese. Ad esempio, con un passo rivoluzionario, il piano di Buenassa di implementare soluzioni di tracciabilità basate su blockchain ha la capacità di avere un impatto positivo sul controllo del mercato, consentendo ai paesi di monitorare e monitorare i prezzi dei metalli ed estendere i feed di dati del passaporto delle batterie.

Il progetto ha assicurato collaborazioni finanziarie e tecniche con istituzioni internazionali come Delphos International, MET63, Bara Consulting con sede in Gran Bretagna e altre, creando spazio per vantaggi economici per ogni paese coinvolto nella partnership.

Attualmente, il progetto sostiene un’iniziativa sui veicoli elettrici che coinvolge la Repubblica Democratica del Congo, lo Zambia e persino gli Stati Uniti, con l’obiettivo di trasformare finalmente l’industria dei veicoli elettrici. Un investimento da parte del nuovo governo laburista nel progetto della raffineria di Buenassa sarebbe reciprocamente vantaggioso per la RDC, il Regno Unito e l’Europa, e trasmetterebbe il messaggio che il nuovo governo incoraggia l’industrializzazione responsabile e la ristrutturazione delle catene di approvvigionamento globali, oltre a promuovere un settore economico verde attraverso l’industria dei veicoli elettrici e delle batterie. Con gli studi di fattibilità definitivi previsti entro la fine del 2025, il vasto potenziale di questo progetto sarà presto ancora più evidente.

Considerando l’intento del Partito Laburista di regolare il costo della vita nel Regno Unito, gli investimenti nella RDC creerebbero nuovi posti di lavoro nel settore delle tecnologie pulite, ridurrebbero la dipendenza dalle auto private e addirittura taglierebbero i costi dei servizi pubblici. Inoltre, sostenendo la RDC e la sua produzione di minerali essenziali, il nuovo governo dimostrerebbe la leadership britannica negli sforzi globali che incoraggiano lo sviluppo delle energie rinnovabili, necessarie per combattere la questione più ampia del cambiamento climatico.

Questo investimento funge anche da veicolo per l’ampia agenda progressista del partito, promuovendo ulteriormente l’impegno per la giustizia sociale e la sostenibilità generale. Le implicazioni geopolitiche che derivano dall’investimento nel progetto hanno la capacità di diversificare eventualmente le fonti di minerali critici e di ridurre la dipendenza attualmente da un numero limitato di fornitori dominato dalla Cina, garantendo il futuro della diversificazione energetica e della sostenibilità per il Regno Unito e tutta l’Europa.

I giacimenti ricchi di minerali del Paese sono necessari per creare una catena di approvvigionamento affidabile che possa essere incorporata nella transizione globale all’energia pulita e nella riduzione delle emissioni di carbonio. Le pratiche minerarie responsabili nella RDC incoraggiano anche lo sviluppo economico sostenibile e riducono la povertà in tutta la regione, promuovendo al contempo ulteriori legami diplomatici tra il Regno Unito e la RDC. L’aspettativa attuale è che i minerali provenienti dalla RDC favoriscano la mobilità a basse emissioni di carbonio e minimizzino il consumo di energia, sostenendo direttamente la politica del governo entrante che cerca di mitigare le spese dei servizi pubblici per i cittadini britannici. Con un ruolo chiave nel mantenimento di una catena del valore integrata attorno alla produzione di batterie, sia la RDC che il Regno Unito manterrebbero la loro promessa di fornire una tecnologia ambientale responsabile.

Infine, i governi della RDC e dello Zambia creeranno un Centro di ricerca di eccellenza per lo sviluppo delle competenze relative alle batterie dei veicoli elettrici a sostegno delle zone economiche speciali. Ciò offre un’altra opportunità per l’implementazione del soft power per il governo entrante con l’aiuto degli accademici e degli istituti di ricerca del Regno Unito attraverso la messa in atto di programmi di conoscenza e ricerca, compreso un programma professionale per i giovani vivaci e dinamici della RDC.

Tutti questi sviluppi in corso sarebbero anche molto in linea con il concetto di “Securonomie”, sviluppato dal Cancelliere ombra dello Scacchiere Rachel Reeves, che si concentra sul mettere al primo posto la sicurezza economica e la resilienza dell’industria. Nel caso in questione, la RDC può garantire sia la sicurezza economica che la resilienza dell’industria del Regno Unito, passando da un modello basato sugli aiuti a uno incentrato sul commercio e sul vantaggio reciproco. Il progetto Buenassa, in particolare, è in linea con il piano di industrializzazione a lungo termine della RDC, un modello che dimostra l'importanza delle coalizioni del settore pubblico-privato. Una partnership tra la RDC e il Regno Unito in questo settore ha la capacità di servire da esempio per altri paesi sull’importanza della collaborazione globale nell’affrontare le sfide climatiche, rafforzando nel contempo l’arricchimento locale.

Guy Kioni è l'amministratore delegato di Missang, una società boutique di geostrategia e consulenza gestionale specializzata in minerali critici, diplomazia, tecnologie emergenti, istruzione e sanità.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending