Seguici sui social

Economia

Previsioni economiche per l’inverno 2024: una ripresa ritardata della crescita in un contesto di più rapido allentamento dell’inflazione

SHARE:

Pubblicato il

on

Usiamo la tua registrazione per fornire contenuti nei modi in cui hai acconsentito e per migliorare la nostra comprensione di te. È possibile disdire in qualsiasi momento.

Dopo la crescita modesta dello scorso anno, l’economia dell’UE è entrata nel 2024 su una base più debole del previsto. Le Winter Interim Forecast della Commissione Europea rivedono la crescita sia nell’UE che nell’area euro allo 0.5% nel 2023, dallo 0.6% previsto nelle previsioni d’autunno, e allo 0.9% (dall’1.3%) nell’UE e allo 0.8% (da 1.2). %) nella zona euro nel 2024. Nel 2025, si prevede che l’attività economica crescerà ancora dell’1.7% nell’UE e dell’1.5% nella zona euro.

L’inflazione dovrebbe rallentare più rapidamente di quanto previsto in autunno. Nell’UE, si prevede che l’inflazione dell’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IAPC) scenderà dal 6.3% nel 2023 al 3.0% nel 2024 e al 2.5% nel 2025. Nella zona euro, dovrebbe decelerare dal 5.4% nel 2023 al 2.7. % nel 2024 e al 2.2% nel 2025. 

La crescita riprenderà slancio nel 2024 dopo un inizio anno debole

Nel 2023, la crescita è stata frenata dall’erosione del potere d’acquisto delle famiglie, dalla forte stretta monetaria, dal ritiro parziale del sostegno fiscale e dal calo della domanda esterna. Dopo aver evitato per un pelo una recessione tecnica nella seconda metà dello scorso anno, le prospettive per l’economia dell’UE nel primo trimestre del 2024 rimangono deboli.

Tuttavia, si prevede che l’attività economica accelererà gradualmente quest’anno. Poiché l’inflazione continua a diminuire, la crescita dei salari reali e la resilienza del mercato del lavoro dovrebbero sostenere una ripresa dei consumi. Nonostante il calo dei margini di profitto, gli investimenti dovrebbero beneficiare di un graduale allentamento delle condizioni creditizie e della continua attuazione del Recovery and Resilience Facility. Inoltre, si prevede che il commercio con i partner esteri si normalizzerà, dopo la debole performance dello scorso anno.

Il ritmo di crescita dovrebbe stabilizzarsi a partire dalla seconda metà del 2024 fino alla fine del 2025.

Un calo dell’inflazione più rapido del previsto

pubblicità

Il calo dell’inflazione complessiva nel 2023 è stato più rapido del previsto, in gran parte determinato dal calo dei prezzi dell’energia. Con lo stallo dell’attività, l’attenuazione delle pressioni sui prezzi nella seconda metà dello scorso anno si è estesa ad altri beni e servizi.

Negli ultimi mesi i risultati dell’inflazione inferiori alle attese, i prezzi più bassi delle materie prime energetiche e lo slancio economico più debole hanno portato l’inflazione su un percorso discendente più ripido di quanto previsto nelle previsioni autunnali. Nel breve termine, tuttavia, la scadenza delle misure di sostegno energetico negli Stati membri e l’aumento dei costi di spedizione a seguito delle perturbazioni commerciali nel Mar Rosso sono destinati a esercitare alcune pressioni al rialzo sui prezzi, senza far deragliare il processo di calo dell’inflazione. Entro la fine dell’orizzonte di previsione, si prevede che l’inflazione complessiva dell’area euro si collocherà appena al di sopra del target della BCE, con l’inflazione nell’UE leggermente più alta.   

Aumenta l’incertezza nel contesto delle tensioni geopolitiche

Questa previsione è circondata dall’incertezza a causa delle prolungate tensioni geopolitiche e del rischio di un ulteriore ampliamento del conflitto in Medio Oriente. Si prevede che l’aumento dei costi di spedizione a seguito delle interruzioni del commercio nel Mar Rosso avrà solo un impatto marginale sull’inflazione. Ulteriori interruzioni potrebbero, tuttavia, provocare nuovi colli di bottiglia nell’offerta che potrebbero soffocare la produzione e far salire i prezzi.

A livello nazionale, i rischi per le proiezioni di base per la crescita e l’inflazione sono legati al fatto se i consumi, la crescita dei salari e i margini di profitto sottoperformano o superano le aspettative, e a quanto elevati rimangono i tassi di interesse e per quanto tempo. Anche i rischi climatici e la crescente frequenza di eventi meteorologici estremi continuano a rappresentare una minaccia. 

sfondo

Le previsioni economiche dell’inverno 2024 forniscono un aggiornamento delle previsioni economiche dell’autunno 2023, concentrandosi sugli sviluppi del PIL e dell’inflazione in tutti gli Stati membri dell’UE.

Le previsioni invernali si basano su una serie di ipotesi tecniche riguardanti tassi di cambio, tassi di interesse e prezzi delle materie prime con una data limite fissata al 29 gennaio 2024. Per tutti gli altri dati in arrivo, comprese le ipotesi sulle politiche governative, questa previsione prende in considerazione le informazioni fino fino al 1° febbraio 2024 compreso.

La Commissione europea pubblica ogni anno due previsioni complete (primavera e autunno) e due previsioni intermedie (inverno ed estate). Le previsioni intermedie riguardano il PIL annuale e trimestrale e l'inflazione per l'anno in corso e quello successivo per tutti gli Stati membri, nonché gli aggregati dell'UE e dell'area dell'euro.

La prossima previsione della Commissione saranno le previsioni economiche della primavera 2024, la cui pubblicazione è prevista per maggio.

Per maggiori informazioni

Documento completo: Previsioni economiche inverno 2024

Seguire Vicepresidente Dombrovskis su Twitter: VDombrovskis

Segui il Commissario Gentiloni su Twitter: @Paolo Gentiloni

Segui DG ECFIN su Twitter: ecfin

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending