Seguici sui social

Economia

Bruxelles deve garantire agli agricoltori della CEE di ridurre le disuguaglianze e prevenire l'ondata populista

SHARE:

Pubblicato il

on

Con l'accordo sul grano ucraino nel Mar Nero in bilico tra quello russo minacce di ritirarsi prima della scadenza del 18 maggio per la proroga, il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha esposto la sua visione per la sua conservazione in una lettera al presidente russo Vladimir Putin. Ma Sergei Lavrov, ministro degli Esteri russo, ha versato acqua fredda sulle speranze rivoluzionarie, ritenendo progressi verso il soddisfacimento delle sue richieste di esportazione agricola "non molto evidenti" dopo l'incontro con Guterres il 24 aprile.

In modo preoccupante, il potenziale fallimento dell'accordo arriva in un momento in cui la pazienza all'interno dei paesi dell'Europa centrale e orientale (CEE) dell'UE si sta esaurendo per i torrenti di esportazioni di cereali ucraini che entrano nel blocco attraverso il suo schema di "corsie di solidarietà", che ha lasciato gli agricoltori locali in gravi difficoltà e proteste alimentate. Considerando l'imminente generale della regione elezioni e il significativo peso elettorale dei loro agricoltori, Bruxelles deve cogliere l'opportunità di adattare le sue politiche agroalimentari spesso fuori dal comune e ingiuste per sostenere meglio gli agricoltori locali e aiutare a prevenire un'incombente svolta verso il populismo euroscettico.

Crollano le corsie della solidarietà

Dopo mesi di crescenti pressioni, la frustrazione della CEE per le conseguenze indesiderate dell'UE 'Corsie di solidarietà' iniziativa raggiunta punto di ebollizione ad aprile, con Polonia, Ungheria, Slovacchia e Bulgaria che hanno introdotto divieti di importazione.

Giustificando la mossa controversa che ha innescato una reazione a catena regionale, il ministro dell'Agricoltura polacco Robert Telus rivendicato che “siamo stati costretti a farlo” per proteggere i contadini del Paese “perché l'Unione Europea aveva gli occhi chiusi sul problema” riguardante i grandi flussi di cereali ucraini più economici che hanno abbassato i prezzi con notevole danno finanziario per gli agricoltori locali.

Considerando il condanna sollevata dai circoli diplomatici di Bruxelles sulla presunta illegittimità dei divieti, ha incoraggiato il portavoce della Commissione Eric Mamer ha sottolineato che la risposta dell'UE "non riguarda sanzioni", ma "trovare soluzioni". La scorsa settimana, l'esecutivo Ue ne ha annunciato un ulteriore 100 milioni di euro sostegno ai cinque paesi "in prima linea", pur accettando di vietare la vendita di grano ucraino sui loro territori se lasciano entrare le esportazioni ucraine per il transito verso altri paesi.

La Polonia ha da allora sollevato il suo divieto temporaneo durante i negoziati, anche se il 27 aprile della commissione per il commercio del Parlamento europeo voto estendere lo schema dei cereali potrebbe complicare le cose. Indipendentemente dalla risoluzione finale, l'intensità di proteste visto in Polonia, Bulgaria e Romania nelle ultime settimane sottolinea l'urgente imperativo economico e politico di sviare la burocrazia e fornire sostegno sul campo agli agricoltori.

pubblicità

Il dibattito sulle etichette alimentari divide il continente

Ma il grano ucraino non è l'unica minaccia legata a Bruxelles per gli agricoltori dell'ECO. La tanto attesa proposta della Commissione per un'etichetta alimentare obbligatoria sulla parte anteriore della confezione (FOP) continua a generare incertezza e polemiche in tutto il blocco, con punteggio Nutri di gran lunga la più polarizzante delle etichette in esame. Mentre ancora Backed da pesi massimi come Francia, Germania, Spagna e Paesi Bassi, diversi CEE – vale a dire Ungheria, Romania e Repubblica Ceca – hanno apertamente espresso la loro opposizione a Nutri-Score, unendosi a una coalizione mediterranea che comprende artisti del calibro di Grecia, Italia e Cipro.

Gli oppositori di Nutri-Score hanno evidenziato l'algoritmo inaffidabile del sistema, che classifica la salubrità di alimenti e bevande su una scala da "A verde" a "E rossa" basata in modo schiacciante sul contenuto di sale, zucchero e grassi. In effetti, l'algoritmo doveva esserlo aggiornato, con il suo marchio iniziale dell'olio d'oliva con una "D" che ha attirato critiche diffuse ed esposto a carenze scientifiche significative.

Sebbene l'olio d'oliva salterà a una "B" in Nutri-Score 2.0, il fatto che i prodotti pieni di dolcificanti artificiali come Coke Zero riceveranno il stesso punteggio, pur superando anche la "C" assegnata al latte intero, mostra che i problemi fondamentali dell'algoritmo permangono. Lo scienziato alimentare Frédéric Leroy ha ragione discussione in che modo tali prodotti possono ricevere punteggi nutritivi positivi quando non riescono a "offrire alcuna nutrizione per cominciare", al contrario dell'olio d'oliva naturale e ricco di micronutrienti e dei latticini.

In quest'ottica, il Nutri-Score dell'Autorità nazionale rumena per la protezione dei consumatori bandire lo scorso autunno così come Ceco e Polacco Le preoccupazioni per l'approccio eccessivamente semplicistico dell'etichetta e gli impatti negativi sugli agricoltori locali sono altamente comprensibili.

La PAC blocca i piccoli agricoltori

Una tendenza meno visibile, ma altamente insidiosa, sta esacerbando in modo significativo le sfide che devono affrontare gli agricoltori dell'ECO: la concentrazione della terra.

La struttura del Politica agricola comune (PAC), il programma di sovvenzioni all'agricoltura dell'UE, è stato il principale colpevole, con sovvenzioni pagate per ettaro che incentivano l'acquisizione di ulteriori terreni da parte delle aziende agricole, favorendo così aziende agricole più grandi e dotate di risorse adeguate. Ad esempio, dentro Germania, l'1% più ricco delle aziende agricole beneficiarie riceve quasi un quarto dei fondi della PAC, mentre i suoi agricoltori più piccoli, che rappresentano la metà di tutte le aziende agricole, portano a casa un misero 8%. La Polonia, la potenza agricola della regione CEE, è simile caratterizzato da un'ampia quota di piccole aziende agricole e significative disparità di reddito.

Questa situazione ha comportato la progressiva espansione dimensionale e la diminuzione del numero di aziende agricole in Europa, che hanno caduto di oltre il 30% - o 5 milioni di aziende agricole - negli ultimi anni secondo un'UE studio pubblicato nel 2022, con le piccole aziende agricole colpite più duramente e i nuovi arrivati ​​sempre più esclusi dall'aumento dei prezzi dei terreni, mentre il numero di grandi aziende agricole è aumentato del 7%.

Offrendo un barlume di speranza, la PAC riformata lanciato a gennaio mostra una rinnovata attenzione all'equità e al sostegno dei piccoli agricoltori, con nuove misure compresi i meccanismi di ridistribuzione delle sovvenzioni, il finanziamento iniziale per i giovani agricoltori e il potenziamento locale flessibilità, anche se l'eliminazione del sistema di finanziamento territoriale rimane fuori discussione.

Ripristinare le relazioni Bruxelles-CEE

Mentre gli agricoltori della CEE stanno già affrontando terribili pressioni, potrebbero peggiorare molto se l'accordo sui cereali del Mar Nero fallisse e inviasse più esportazioni ucraine lungo le rotte solitarie dell'UE – una situazione che la Russia vorrebbe sfruttare. Inoltre, dato caduta sostegno degli agricoltori in vista delle prossime elezioni, l'UE ha sia l'obbligo di adattare le sue politiche di conseguenza sia una grande opportunità per ripristinare le sue relazioni ECO danneggiate.

In questo clima, Bruxelles può intensificare e mostrare una leadership forte e radicata per queste comunità agricole cruciali in cui la Polonia e altri governi della regione hanno non è riuscito a consegnare. Nel processo, l'UE potrebbe mostrare un nuovo volto e aiutare a prevenire un vendicativo ritorno del populismo illiberale nella regione che una vittoria SMER-SD guidata da Robert Fico nelle elezioni in Slovacchia, una rielezione del PiS in Polonia e una ripresa dell'unione Ungheria-Polonia motore all'interno del gruppo di Visegrad, con ovvie implicazioni per l'unità dell'UE e l'influenza regionale della Russia.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending