Seguici sui social

Brexit

Barnier dell'UE afferma che la prossima legislazione britannica potrebbe spingere i colloqui sulla Brexit in crisi - RTE

Pubblicato

on

Il capo negoziatore dell'Unione europea Michel Barnier ha detto agli ambasciatori che i colloqui sulla Brexit sarebbero messi in crisi se la legislazione britannica prevista per la prossima settimana includesse clausole che violerebbero l'accordo di recesso esistente, ha riferito RTE mercoledì (2 dicembre), scrive William James.

"Il capo negoziatore dell'UE Michel Barnier ha detto agli ambasciatori dell'UE che se il disegno di legge finanziario del Regno Unito, previsto per la prossima settimana, contiene clausole che violano il diritto internazionale [cioè, che violano il protocollo NI], i colloqui sulla Brexit saranno 'in crisi' e ci saranno essere un crollo della fiducia ", ha detto su Twitter Tony Connelly, redattore europeo di RTE, citando due fonti anonime.

Brexit

"Carneficina Brexit": camion di molluschi protestano a Londra per i ritardi nelle esportazioni

Pubblicato

on

By

Più di 20 camion di molluschi parcheggiati su strade vicino al parlamento britannico e alla residenza di Downing Street del primo ministro Boris Johnson lunedì per protestare contro la burocrazia post-Brexit che ha limitato le esportazioni verso l'Unione europea, scrivere e

Molti pescatori non sono stati in grado di esportare nell'UE da quando i certificati di cattura, i controlli sanitari e le dichiarazioni doganali sono stati introdotti all'inizio di quest'anno, ritardando le loro consegne e spingendo gli acquirenti europei a rifiutarli.

Camion con slogan come "Brexit carneficina" e "governo incompetente che distrugge l'industria dei molluschi" hanno parcheggiato a pochi metri dall'ufficio di Johnson 10 Downing Street nel centro di Londra. La polizia stava chiedendo dettagli ai camionisti.

"Siamo fermamente convinti che il sistema potrebbe potenzialmente collassare", ha affermato Gary Hodgson, direttore di Venture Seafoods, che esporta granchi e aragoste vivi e trasformati nell'UE.

"Il primo ministro Boris Johnson deve essere onesto con noi, con se stesso e con il pubblico britannico sui problemi del settore", ha detto a Reuters. Un operatore, ha detto, ha avuto bisogno di 400 pagine di documentazione di esportazione la scorsa settimana per entrare in Europa.

David Rosie della DR Collin & Son, che impiega 200 persone, inviava uno o due camion a notte in Francia trasportando granchi vivi, aragoste e scampi per un valore di circa 150,000 sterline ($ 203,000). Ha detto di non aver esportato una sola scatola quest'anno.

I pescatori, ha detto, "hanno perso i loro mezzi di sussistenza nel giro di un orologio" quando la Gran Bretagna ha lasciato l'orbita dell'UE alla vigilia di Capodanno.

In base a un accordo raggiunto il mese scorso, il commercio britannico con l'UE rimane libero da tariffe e quote. Ma la creazione di un confine doganale completo significa che le merci devono essere controllate e compilate le pratiche burocratiche, sconvolgendo i sistemi di consegna espressa.

L'industria britannica della carne avverte del caos ai confini poiché i ritardi bloccano le esportazioni

Usando una frase che ha fatto arrabbiare molti imprenditori, Johnson ha descritto i cambiamenti come "problemi iniziali" e ha affermato che erano stati aggravati dalla pandemia COVID-19.

Johnson ha affermato che un ulteriore fondo di 23 milioni di sterline (31.24 milioni di dollari) è stato creato per compensare le aziende che "non per colpa loro hanno subito ritardi burocratici, difficoltà a far passare le loro merci dove c'è un vero acquirente dall'altra parte del canale" .

Il governo ha affermato che questo denaro extra è stato in aggiunta a un investimento di 100 milioni di sterline nel settore nei prossimi anni e quasi 200 milioni di sterline forniti al governo scozzese per ridurre al minimo i disagi.

Il dipartimento britannico per l'ambiente, l'alimentazione e gli affari rurali (Defra) ha affermato che, oltre al sostegno finanziario, sta lavorando con l'industria e l'UE per affrontare le questioni relative alla documentazione.

"La nostra priorità è garantire che le merci possano continuare a fluire senza intoppi sul mercato", ha detto un portavoce del governo in una dichiarazione inviata tramite posta elettronica.

La pesca da sola contribuisce allo 0.1% del PIL della Gran Bretagna se si include la lavorazione, ma per le comunità costiere è un'ancora di salvezza e uno stile di vita tradizionale.

L'associazione Scotland Food & Drink afferma che gli esportatori potrebbero perdere più di 1 milione di sterline in vendite al giorno.

Molti nelle comunità costiere hanno votato per la Brexit ma hanno affermato di non essersi aspettati questo impatto.

Allan Miller, proprietario di AM Shellfish ad Aberdeen, in Scozia, ha affermato che i tempi per le sue consegne di granchi, aragoste e gamberi vivi sono raddoppiati rispetto alle 24 ore. Ciò significa prezzi più bassi e alcuni dei prodotti non sono sopravvissuti, ha detto.

“Stai parlando da 48 a 50 ore. È pazzesco ", ha detto.

Continua a leggere

Brexit

I pescatori scozzesi sbarcano il pesce in Danimarca per evitare la burocrazia post-Brexit

Pubblicato

on

By

I pescatori scozzesi si sono rivolti sempre più alle aste del pesce in Danimarca nelle prime due settimane dell'anno per evitare che le loro consegne nell'Unione europea siano bloccate dalla burocrazia post-Brexit, scrive .

Un'asta di pesce a Hanstholm, sulla costa occidentale della Danimarca, ha finora venduto quest'anno 525 tonnellate di pesce proveniente da pescherecci scozzesi, più del doppio rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

"Abbiamo ricevuto moltissime richieste da pescatori scozzesi sullo sbarco del loro pescato a Hanstholm", ha detto a Reuters Jesper Kongsted, a capo dell'asta, venerdì 16 gennaio. "Questo è molto positivo per la nostra attività."

Alcune società di pesca scozzesi affermano di dover affrontare la rovina, poiché diversi paesi dell'UE hanno rifiutato le esportazioni del Regno Unito dopo che le nuove richieste doganali hanno ritardato l'arrivo dei loro prodotti freschi.

Di conseguenza, i prezzi alle aste del pesce in Scozia sono crollati all'inizio dell'anno. Kongsted ha detto che due fratelli scozzesi hanno guadagnato 300,000 corone danesi in più ($ 48,788) vendendo 22 tonnellate di nasello a Hanstholm piuttosto che a un'asta a Peterhead in Scozia.

“Il nostro settore sta affrontando crescenti perdite finanziarie. Molti pescherecci sono legati al muro del molo ", ha detto venerdì Elspeth Macdonald, capo della Federazione scozzese dei pescatori, in una lettera al primo ministro Boris Johnson.

"Alcuni stanno ora effettuando un viaggio di andata e ritorno di 72 ore per sbarcare il pesce in Danimarca, come unico modo per garantire che il loro pescato avrà un prezzo equo e troverà effettivamente la sua strada sul mercato mentre è ancora abbastanza fresco per soddisfare le richieste dei clienti", ha detto Macdonald .

L'introduzione di certificati sanitari, dichiarazioni doganali e controlli da quando la Gran Bretagna ha lasciato il mercato unico dell'UE all'inizio di quest'anno ha colpito i sistemi di consegna di alcune società di pesca.

Questa settimana, alcuni pescatori scozzesi hanno minacciato di scaricare molluschi marci fuori dal parlamento britannico a Londra.

($ 1 = 6.1490 corone danesi)

Continua a leggere

Brexit

Il Regno Unito può superare i problemi di `` dentizione '' della pesca post-Brexit, afferma il ministro

Pubblicato

on

By

La Gran Bretagna ritiene di poter risolvere i "problemi iniziali" post-Brexit che hanno impedito ai pescatori scozzesi di esportare merci nell'Unione europea a causa dei ritardi doganali, ha detto il ministro per l'alimentazione e l'ambiente George Eustice (nella foto), scrivono Kate Holton e Paul Sandle.

Alcuni importatori dell'UE hanno rifiutato i carichi di camion di pesce scozzese dal 1 ° gennaio dopo che la necessità di certificati di cattura, controlli sanitari e dichiarazioni di esportazione significava che avevano impiegato troppo tempo per arrivare, facendo arrabbiare i pescatori che si trovano ad affrontare la rovina finanziaria se il commercio non può essere ripreso.

Eustice ha detto al parlamento che il suo staff aveva tenuto riunioni con funzionari olandesi, francesi e irlandesi per cercare di "appianare alcuni di questi problemi iniziali".

"Sono solo problemi iniziali", ha detto. "Quando le persone si abitueranno a usare le scartoffie, le merci scorreranno."

Eustice ha detto che senza alcun periodo di grazia per introdurre le regole, l'industria doveva adattarle in tempo reale, affrontando questioni come il colore dell'inchiostro che può essere usato per compilare i moduli. Ha aggiunto che mentre il governo stava valutando un risarcimento per i settori colpiti dai cambiamenti post-Brexit, ora si stava concentrando sulla correzione dei ritardi per i pescatori.

I fornitori di servizi logistici, che ora stanno lottando per consegnare le merci in modo tempestivo, hanno affermato che il cambiamento della vita al di fuori del mercato unico e dell'unione doganale è molto più significativo e, sebbene i tempi di consegna possano migliorare, ora costerà di più e richiederà più tempo per esportare.

Per portare i prodotti freschi sui mercati dell'UE, i fornitori di servizi logistici devono ora riassumere il carico, fornendo i codici delle merci, i tipi di prodotto, il peso lordo, il numero di scatole e il valore, oltre ad altri dettagli. Gli errori possono significare ritardi più lunghi, colpendo anche gli importatori francesi che sono stati anche colpiti dalla burocrazia.

Continua a leggere
pubblicità

Twitter

Facebook

Trending