Seguici sui social

Economia

L'UE imporrà tariffe per un valore di 4 miliardi di dollari come ritorsione per sussidi illegali alla Boeing

Pubblicato

on

Oggi (9 novembre) l'Unione Europea ha annunciato che avrebbe imposto dazi per un valore di 4 miliardi di dollari sulle importazioni dagli Stati Uniti come contromisura per i sussidi illegali forniti al produttore di aerei americano Boeing.

Sia il vicepresidente esecutivo Valdis Dombrovskis che il suo predecessore, il commissario Phil Hogan, hanno contattato gli Stati Uniti per risolvere la controversia prima delle recenti elezioni statunitensi senza successo.

La decisione dell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) (13 ottobre) che consente all'UE di agire è stata seguita da ulteriori sforzi diplomatici da parte dell'UE. Il vicepresidente esecutivo Valdis Dombrovskis, all'epoca ha dichiarato: “Preferirei di gran lunga non farlo - i doveri aggiuntivi non sono nell'interesse economico di nessuna delle parti, in particolare perché ci sforziamo di riprenderci dalla recessione del COVID-19. Mi sono confrontato con la mia controparte americana, l'ambasciatore Lighthizer, e spero che gli Stati Uniti ora abbassino i dazi imposti sulle esportazioni dell'UE lo scorso anno. In caso contrario, saremo costretti a esercitare i nostri diritti e imporre tariffe simili. Sebbene siamo completamente preparati per questa possibilità, lo faremo con riluttanza ".

Il ministro federale tedesco dell'Economia e dell'Energia, Peter Altameier, in rappresentanza della Presidenza tedesca, ha sottolineato i dazi statunitensi, in vigore dallo scorso anno, pari a 7.5 miliardi di dollari sulle esportazioni dell'UE. Ha detto che erano pronti in qualsiasi momento a parlare con l'amministrazione uscente o entrante per sospendere le nuove tariffe. 

La controversia è stata una delle più longeve nella storia dell'OMC.

Brexit

Brexit: "Francamente, non posso dirti se ci sarà un accordo" von der Leyen 

Pubblicato

on

Rivolgendosi al Parlamento europeo questa mattina (25 novembre) la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato di non poter dire se l'UE sarà in grado di raggiungere un accordo con il Regno Unito sulle sue future relazioni entro la fine dell'anno. Ha detto che la parte dell'UE è disposta a essere creativa, ma che non metterebbe in discussione l'integrità del mercato unico. 

Sebbene siano stati compiuti progressi reali su una serie di questioni importanti, come l'applicazione della legge, la cooperazione giudiziaria, il coordinamento della sicurezza sociale e i trasporti, von der Leyen ha affermato che i tre temi `` cruciali '': parità di condizioni, governance e pesca essere risolto.

L'UE sta cercando meccanismi solidi per garantire che la concorrenza con il Regno Unito rimanga libera ed equa nel tempo. Questo non è qualcosa su cui l'UE può pattinare, data la sua vicinanza e l'entità dei legami commerciali esistenti e l'integrazione nelle catene di approvvigionamento dell'UE. Il Regno Unito fino ad oggi è stato ambiguo su come avrebbe deviato dalle norme europee che ha svolto un ruolo non piccolo nel plasmare, ma la logica dei sostenitori della Brexit è che il Regno Unito potrebbe diventare più competitivo attraverso la deregolamentazione; un punto di vista che ovviamente mette un po 'a disagio alcuni partner dell'UE.

'Fidarsi è bene, ma la legge è meglio'

La necessità di chiari impegni legali e rimedi è diventata più netta in seguito alla decisione del Regno Unito di introdurre un disegno di legge sul mercato interno che includa disposizioni che gli consentirebbero di deviare da parti del protocollo Irlanda / Irlanda del Nord. Von der Leyen ha affermato che una governance forte è essenziale "alla luce della recente esperienza".

Pesca

Sulla pesca, von der Leyen ha detto che nessuno metteva in dubbio la sovranità del Regno Unito sulle proprie acque, ma ha affermato che l'UE aveva bisogno di "prevedibilità e garanzie per i pescatori e le donne che navigano in queste acque da decenni, se non secoli".

Von der Leyen ha ringraziato il parlamento per il sostegno e la comprensione nelle difficoltà che si è presentato loro un accordo così tardivo. Un accordo finale sarà lungo diverse centinaia di pagine e dovrà essere cancellato legalmente e traduttori; è improbabile che ciò sia pronto entro la prossima sessione plenaria del Parlamento europeo a metà dicembre. È generalmente riconosciuto che se si vuole giungere a un accordo in una plenaria del 28 dicembre sarà necessario. Von der Leyen ha detto: "Percorreremo insieme queste ultime miglia".

Continua a leggere

Affari

La Commissione propone misure per promuovere la condivisione dei dati e sostenere gli spazi dati europei

Pubblicato

on

Oggi (25 novembre), la Commissione presenta il Data Governance Act, il primo prodotto nell'ambito della strategia sui dati adottata a febbraio. Il regolamento faciliterà la condivisione dei dati in tutta l'UE e tra i settori per creare ricchezza per la società, aumentare il controllo e la fiducia dei cittadini e delle aziende riguardo ai propri dati e offrire un modello europeo alternativo alla pratica di trattamento dei dati delle principali piattaforme tecnologiche.

La quantità di dati generati da enti pubblici, imprese e cittadini è in costante crescita. Si prevede che moltiplicherà per cinque tra il 2018 e il 2025. Queste nuove regole consentiranno di sfruttare questi dati e apriranno la strada a spazi di dati settoriali europei a vantaggio della società, dei cittadini e delle imprese. Nella strategia sui dati della Commissione del febbraio di quest'anno, sono stati proposti nove spazi di dati di questo tipo, che vanno dall'industria all'energia, dalla salute al Green Deal europeo. Ad esempio, contribuiranno alla transizione verde migliorando la gestione del consumo energetico, trasformeranno in realtà la fornitura di farmaci personalizzati e faciliteranno l'accesso ai servizi pubblici.

Segui in diretta la conferenza stampa del vicepresidente esecutivo Vestager e del commissario Breton EbS.

Maggiori informazioni sono disponibili on-line

Continua a leggere

EU

Il Mediatore critica la Commissione in seguito all'indagine sui contratti di BlackRock

Pubblicato

on

Mediatore europeo Emily O'Reilly (nella foto) ha chiesto alla Commissione di migliorare le sue linee guida per la valutazione degli offerenti per i contratti relativi alla politica pubblica dopo aver assegnato un contratto di studio a BlackRock Investment Management in un'area di interesse finanziario e normativo per la società.
O'Reilly ha anche chiesto alla Commissione di prendere in considerazione il rafforzamento delle disposizioni sul conflitto di interessi nel regolamento finanziario, la legge dell'UE che disciplina il modo in cui vengono condotte le procedure di appalto pubblico finanziate dal bilancio dell'UE.

Ha affermato che le norme applicabili non erano sufficientemente solide e chiare da consentire ai funzionari di individuare conflitti di interesse se non in una gamma molto ristretta di conflitti professionali.

"Una richiesta da parte di una società di condurre uno studio inteso ad alimentare la politica che regolerà gli interessi commerciali di quella società avrebbe dovuto portare a un esame molto più critico da parte della Commissione", ha affermato il Mediatore.

Sebbene il Mediatore ritenga che la Commissione avrebbe potuto fare di più per verificare se la società non dovesse ottenere l'appalto, a causa di un possibile conflitto di interessi, ha ritenuto che il problema di fondo risiedesse nelle attuali norme dell'UE sugli appalti pubblici. In quanto tale, porterà la questione all'attenzione dei legislatori dell'UE.

"Il rischio di conflitti di interesse quando si tratta di aggiudicare contratti relativi alla politica dell'UE deve essere considerato in modo molto più solido sia nel diritto dell'UE che tra i funzionari che prendono queste decisioni", ha affermato O'Reilly.

“Non si può adottare un approccio a caselle da spuntare per l'aggiudicazione di determinati contratti. Trattare allo stesso modo gli offerenti di contratti è importante, ma non prendere in considerazione altri fattori critici in modo appropriato quando si valutano le offerte in definitiva non serve l'interesse pubblico ".

Le proposte del Mediatore fanno seguito a un'indagine sulla decisione della Commissione di aggiudicare un contratto a BlackRock per realizzare uno studio sull'integrazione degli obiettivi ambientali, sociali e di governance nelle norme bancarie dell'UE. Il Mediatore ha ricevuto tre denunce relative alla decisione della Commissione: due da deputati al Parlamento europeo e una da un gruppo della società civile.

L'indagine dell'Ombudsman ha attirato l'attenzione sul fatto che BlackRock ha ottimizzato le sue possibilità di ottenere il contratto facendo un'offerta finanziaria eccezionalmente bassa, che potrebbe essere percepita come un tentativo di affermare un'influenza su un'area di investimento di rilevanza per i suoi clienti.

O'Reilly ha aggiunto: "Si sarebbero dovute porre domande sulla motivazione, sulla strategia dei prezzi e se le misure interne adottate dall'azienda per prevenire i conflitti di interesse fossero davvero adeguate".

“L'UE è impostata per livelli di spesa e investimenti senza precedenti nei prossimi anni con legami significativi con il settore privato - i cittadini devono essere sicuri che i contratti che coinvolgono fondi dell'UE vengano assegnati solo dopo un forte processo di valutazione. Le regole attuali non sono sufficienti a fornire questa garanzia ".

sfondo

La Commissione sta sviluppando strumenti e meccanismi per integrare i fattori ambientali, sociali e di governance nel quadro prudenziale bancario dell'UE. Nel luglio 2019 ha pubblicato un bando di gara per uno studio per delineare la situazione attuale e identificare le sfide nell'affrontare questo problema. Ha ricevuto nove offerte e nel marzo 2020 ha assegnato il contratto a BlackRock Investment Management, l'unico grande gestore degli investimenti nel pool di offerenti.

Nell'esaminare la decisione, il Mediatore ha riscontrato che gli orientamenti interni della Commissione sugli appalti pubblici erano seriamente insufficienti nel fornire sufficiente chiarezza al personale della commissione su come valutare i possibili conflitti di interesse.

Il Mediatore ha inoltre riscontrato che la definizione pertinente nel regolamento finanziario di ciò che costituisce un conflitto di interessi è troppo vaga per essere utile in una situazione così specifica come quella con BlackRock. A causa di questa limitazione nel regolamento finanziario, il Mediatore non ha riscontrato cattiva amministrazione da parte della Commissione in questo caso. Ha invece suggerito che le norme siano rafforzate e ha trasmesso la sua decisione in questa inchiesta al Parlamento e al Consiglio - i legislatori dell'UE - per il loro esame.

Leggi la decisione del Mediatore qui.

Continua a leggere
pubblicità

Facebook

Twitter

Trending