Seguici sui social

Affari

Lo splendore ha esaurito gli investimenti degli attivisti?

Pubblicato

on

Alcuni casi recenti suggeriscono che la marea potrebbe finalmente girare sugli investimenti degli attivisti, che fino a poco tempo fa sembrava che stessero diventando una parte radicata del mondo degli affari. Sebbene il valore delle attività detenute dagli investitori attivisti possa essere aumentato negli ultimi anni (nel Regno Unito, questa cifra è cresciuta del 43% tra il 2017 e il 2019 per raggiungere $5.8 miliardi), il numero di campagne è diminuito 30% nell'anno che precede il settembre 2020. Ovviamente, tale calo può essere in parte spiegato dalle conseguenze della pandemia di coronavirus in corso, ma il fatto che sempre più riproduzioni sembrino cadere nel vuoto potrebbe segnalare un più cupo prospettive a termine per gli attivisti agitatori che vanno avanti.

L'ultimo esempio calzante arriva dall'Inghilterra, dove il fondo di gestione patrimoniale St James's Place (SJP) è stato oggetto di un tentato intervento attivista da parte di PrimeStone Capital il mese scorso. Dopo aver acquistato una quota dell'1.2% nella società, il fondo ha inviato un lettera aperta al consiglio di amministrazione di SJP, sfidando il loro recente track record e chiedendo miglioramenti mirati. Tuttavia, la mancanza di incisione o originalità nel manifesto PrimeStone ha fatto sì che fosse spazzato via con relativa facilità da SJP, con scarso impatto sul prezzo delle sue azioni. La natura e il risultato deludenti della campagna sono indicativi di una tendenza in crescita negli ultimi anni, che potrebbe diventare più pronunciata in una società post-Covid-19.

PrimeStone incapace di ispirare

Lo spettacolo PrimeStone ha assunto la forma tradizionale preferita dagli investitori attivisti; dopo aver acquisito una quota di minoranza in SJP, il fondo ha cercato di mostrare i muscoli evidenziando le carenze percepite dell'attuale consiglio in una missiva di 11 pagine. Tra le altre questioni, la lettera ha identificato la struttura aziendale gonfiata della società (oltre 120 capi dipartimento a libro paga), la segnalazione degli interessi asiatici e il crollo del diminuito del 7% dal 2016). Hanno anche identificato un "cultura ad alto costo"Dietro le quinte di SJP e fatto confronti sfavorevoli con altre prospere aziende di piattaforme come AJ Bell e Integrafin.

Sebbene alcune delle critiche avessero elementi di validità, nessuna di esse era particolarmente innovativa e non dipingevano un quadro completo. In effetti, molte terze parti hanno vieni in difesa del consiglio di amministrazione di SJP, sottolineando che equiparare la flessione dell'azienda all'aumento di interessi come AJ Bell è ingiusto ed eccessivamente semplicistico, e che se confrontato con pietre di paragone più ragionevoli come Brewin Dolphin o Rathbones, SJP tiene le sue cose straordinariamente bene.

Gli ammonimenti di PrimeStone sull'elevata spesa di SJP potrebbero trattenere un po 'd'acqua, ma non riescono a riconoscere che gran parte di quell'esborso era inevitabile, poiché l'azienda è stata costretta a conformarsi alle modifiche normative e soccombere a venti contrari al di fuori del suo controllo. Le sue impressionanti prestazioni rispetto ai suoi concorrenti confermano che l'azienda ha dovuto affrontare problemi a livello di settore aggravati dalla pandemia, qualcosa che PrimeStone singolarmente non è riuscito a riconoscere o affrontare completamente.

Votazione imminente imminente per URW

È una storia simile attraverso la Manica, dove il miliardario francese Xavier Niel e l'uomo d'affari Léon Bressler hanno raccolto una quota del 5% nell'operatore di centri commerciali internazionali Unibail-Rodamco-Westfield (URW) e stanno adottando tattiche di investitori attivisti anglosassoni per cercare di proteggere URW salire a bordo e spingere URW in una strategia rischiosa per aumentare il prezzo delle sue azioni a breve termine.

È chiaro che, come la maggior parte delle aziende nel settore della vendita al dettaglio, URW necessita di una nuova strategia per aiutare a superare la recessione indotta dalla pandemia, in particolare dato il suo livello relativamente alto di debito (oltre 27 miliardi di euro). A tal fine, il consiglio di amministrazione di URW spera di lanciarlo progetto RESET, che punta a un aumento di capitale di 3.5 miliardi di euro al fine di mantenere il buon rating di credito investment-grade della società e garantire un accesso continuo a tutti i principali mercati del credito, riducendo gradualmente l'indebitamento dell'attività dei centri commerciali.

Niel e Bressler, tuttavia, vogliono rinunciare all'aumento di capitale di 3.5 miliardi di euro a favore della vendita del portafoglio statunitense dell'azienda, una raccolta di prestigiosi centri commerciali che hanno in generale comprovata resistente ai cambiamenti dell'ambiente di vendita al dettaglio, per ripagare i debiti. Al piano degli investitori attivisti si oppone un certo numero di società di consulenza di terze parti come Proxinvest Vetro Lewis, con quest'ultimo che la definisce "una mossa eccessivamente rischiosa". Dato che l'agenzia di rating del credito Moody's ha previsto un crollo di 18 mesi dei redditi da locazione che probabilmente colpirà i centri commerciali - e sono persino arrivati ​​al punto di avvertire che la mancata implementazione dell'aumento di capitale alla base del RESET potrebbe comportare un declassamento del rating di URW - sembra probabile che Niel e Bressler le ambizioni saranno respinte al 10 novembreth assemblea degli azionisti, nello stesso modo in cui lo sono state PrimeStone.

Crescita a lungo termine rispetto ai guadagni a breve termine

Altrove, anche il CEO di Twitter Jack Dorsey sembra esserlo superare un tentativo dell'investitore attivista di alto profilo Elliott Management di estrometterlo dal suo ruolo. Sebbene una recente riunione del comitato abbia ceduto ad alcune delle richieste di Elliott, come la riduzione dei termini del consiglio da tre anni a uno, ha scelto di dichiarare la propria fedeltà a un amministratore delegato che aveva supervisionato i rendimenti totali degli azionisti di 19% prima del coinvolgimento di Elliott con il colosso dei social media all'inizio di quest'anno.

Accanto alle campagne atipiche poco entusiasmanti condotte altrove nel mercato e alla regressione del settore nel suo insieme, potrebbe essere che gli investitori attivisti stiano perdendo il loro potere? Per molto tempo hanno attirato l'attenzione sulle loro imprese attraverso buffonate appariscenti e prognosi audaci, ma sembra che le società e gli azionisti allo stesso modo si stiano rendendo conto del fatto che dietro la loro spavalderia, i loro approcci spesso contengono difetti fatali. Vale a dire, un focus sull'inflazione a breve termine del prezzo delle azioni a scapito della stabilità a lungo termine viene esposto come la scommessa irresponsabile che è - e in un'economia traballante post-Covid, è probabile che la prudenza giudiziosa venga valutata al di sopra profitto con crescente regolarità.

Affari

La società di sicurezza internazionale Bollé annuncia una partnership con il produttore gallese per guidare la fornitura internazionale di dispositivi di protezione degli occhiali

Pubblicato

on

La produzione di una nuova gamma di occhiali di sicurezza per uno dei nomi leader mondiali del settore, Bollé, è iniziata in un sito in Galles. Capsulaé Safety, specialista nello sviluppo di occhiali per dispositivi di protezione individuale (DPI), ha annunciato una partnership con l'azienda gallese RotoMedical, parte del Gruppo Rototherm, che è diventata il produttore esclusivo dell'azienda francese nel Regno Unito di occhiali DPI per il settore sanitario.

Più di tre milioni di articoli DPI saranno prodotti al mese presso la base di produzione di RotoMedical a Port Talbot, nel Galles meridionale, dopo l'avvio della produzione all'inizio di giugno. La partnership, che è stata elogiata da Life Sciences Hub Wales, vedrà i prodotti distribuiti nel Regno Unito e in Irlanda, nonché esportati nei mercati sanitari di tutto il mondo, con regioni chiave tra cui Europa, Australia e Nord America.

L'espansione di RotoMedical nel settore delle scienze della vita è stata supportata da Life Sciences Hub Wales, che ha lavorato per fornire all'azienda l'accesso a contatti, competenze e consigli per aiutare con l'espansione.

Prima del lancio della produzione, i rappresentanti senior di Bollé, che ha la sua sede europea a Lione, hanno visitato la base di produzione di RotoMedical nelle valli gallesi per effettuare controlli sul prodotto finale e confermare le certificazioni.

Il vicepresidente delle vendite di Bollé Safety Ian Walbeoff ha dichiarato: “In Bollé Safety, la nostra missione è sempre stata quella di proteggere la vista degli operatori sanitari di tutto il mondo, anche negli ambienti più difficili, assicurando che siano in grado di lavorare in sicurezza in prima linea. Al centro del nostro marchio c'è un desiderio genuino di innovare continuamente e utilizzare la migliore tecnologia disponibile per creare prodotti di altissima qualità e la nostra partnership con RotoMedical svolgerà un ruolo chiave nel raggiungimento di questo obiettivo.

“La combinazione di eredità e competenze di lunga data delle nostre aziende ci consentirà di progettare, produrre e assemblare in modo collaborativo prodotti che mettono l'innovazione al primo posto e stabiliscono un nuovo standard industriale globale quando si tratta di prestazioni, eccellenza e sostenibilità”.

Rototherm Group, azienda che risale al 1880, è specializzata nella produzione di strumenti di misura industriali. Durante la pandemia, l'azienda si è orientata verso la produzione anche di maschere mediche e visiere protettive per operatori sanitari e assistenziali con il marchio RotoMedical.

Dall'arrivo della pandemia nel Regno Unito, il produttore di Port Talbot ha aumentato la capacità di produzione di visiere in plastica da 1,000 al giorno a 250,000 a settimana. Questo rapido successo ha catalizzato un'ulteriore espansione nel settore delle scienze della vita, poiché RotoMedical ha progredito nella produzione di maschere facciali di tipo IIR certificate BSI, di grado chirurgico e progettate per l'uso da parte degli operatori sanitari.

Tarkan Conger, Direttore dello sviluppo commerciale del Gruppo Rototherm, ha dichiarato: “La nostra ambizione è sempre stata quella di continuare ad espandere e sviluppare l'attività e, a sua volta, di creare più posti di lavoro per l'economia locale. La partnership con Bollé ci consentirà di sfruttare le nostre competenze e innovazioni industriali mentre ci integriamo nel settore delle scienze della vita, espandendoci in nuove capacità e mercati di produzione".

A seguito del contratto di fornitura con Bollé, l'azienda ha aggiunto al suo mandato gli occhiali di sicurezza, per i quali ha creato una linea di produzione automatizzata dedicata. Gli schermi facciali Bollé saranno prodotti da RotoMedical, la divisione di dispositivi medici e di protezione di Rototherm, utilizzando materie prime di provenienza locale.

L'amministratore delegato del Gruppo Rototherm Oliver Conger ha dichiarato: “Siamo orgogliosi di essere una PMI in Galles e l'obiettivo è continuare a garantire partnership con altre aziende in Galles ea livello internazionale. Con l'aiuto di Life Sciences Hub Wales, siamo stati in grado di stabilire collegamenti in tutta l'industria gallese e ci impegniamo a far crescere ulteriormente la nostra presenza globale. Abbiamo investito tutto ciò che abbiamo nell'economia locale e nel business, che continuerà mentre ci espandiamo a livello internazionale".

Il vicepresidente delle vendite di Bollé Safety Ian Walbeoff ha aggiunto: “Questa partnership segna l'inizio di un nuovo entusiasmante capitolo per Bollé Safety in Galles e nel Regno Unito mentre continuiamo a far crescere la nostra presenza nel paese e ad investire nelle comunità locali. Ci aiuterà a migliorare le nostre capacità di sviluppo di prodotti con al centro la sostenibilità poiché lavoreremo con materiali di provenienza locale, vantando con orgoglio il marchio di eccellenza "Made in Britain".

"Le capacità di Rototherm testimoniano la forza lavoro manifatturiera altamente qualificata disponibile qui in Galles e non vediamo l'ora di svolgere un ruolo nell'ulteriore promozione dell'eccellenza produttiva nella regione".

Parlando della nuova partnership tra Rototherm e Bollé Safety, Cari-Anne Quinn, CEO di Life Sciences Hub Wales ha dichiarato: “Life Sciences Hub Wales è orgogliosa di supportare il viaggio di Rototherm nel settore delle scienze della vita e accoglie con favore le connessioni internazionali in espansione. Ci congratuliamo con loro per il lavoro che hanno svolto per supportare il Regno Unito in un momento di grande bisogno e Bollé, che garantirà questo contratto, vedrà continuare questi successi".

Continua a leggere

EU

Fondo Sociale Europeo: Lotta alla povertà e alla disoccupazione

Pubblicato

on

Il programma migliorato del Fondo sociale europeo+ si concentra sulla lotta alla povertà infantile e alla disoccupazione giovanile in Europa, Società.

L'8 giugno, il Parlamento europeo ha adottato nuove regole a affrontare la disoccupazione e la povertà nell'UE a seguito della crisi pandemica. Il Fondo sociale europeo rinnovato e semplificato, noto come Fondo sociale europeo+, si concentrerà sui bambini e sui giovani.

Con un budget di 88 miliardi di euro per il 2021-2027, il fondo aiuterà i paesi dell'UE a fornire accesso all'istruzione gratuita, cibo dignitoso e alloggi per i bambini. Sosterrà inoltre gli investimenti in apprendistati e formazione professionale per giovani disoccupati.

Molte persone sono preoccupate questioni sociali e occupazionali. Il fondo promuoverà l'inclusione sociale di coloro che subiscono perdite di posti di lavoro e riduzione del reddito e fornirà cibo e assistenza di base agli indigenti. Cos'è il Fondo Sociale Europeo?  

  • È il più antico strumento finanziario dell'UE per investire nelle persone, migliorare le opportunità di lavoro per i lavoratori e aumentare il loro tenore di vita.  
  • I fondi vengono distribuiti ai paesi e alle regioni dell'UE per finanziare programmi operativi e progetti relativi all'occupazione, dal contributo alla creazione di lavoro all'affrontare i divari educativi, la povertà e l'inclusione sociale.
  • I beneficiari sono generalmente persone, ma i finanziamenti possono essere utilizzati anche per aiutare aziende e organizzazioni. 
Più flessibilità, semplicità ed efficienza

Il Fondo Sociale Europeo Plus aggiornato unisce una serie di fondi e programmi esistenti, unendo le loro risorse:

Ciò consente un supporto più integrato e mirato. Ad esempio, le persone colpite dalla povertà beneficeranno di una migliore combinazione di assistenza materiale e supporto sociale completo.

A causa di queste regole più flessibili e più semplici, dovrebbe essere più facile per le persone e le organizzazioni beneficiare del fondo.

priorità

Il Fondo sociale europeo+ investirà in tre aree principali:

  • Istruzione, formazione e apprendimento permanente
  • Efficacia dei mercati del lavoro e parità di accesso a un'occupazione di qualità
  • Inclusione sociale e lotta alla povertà

Il fondo sostiene inoltre iniziative che consentono alle persone di trovare un'occupazione o un lavoro migliore in un'altra regione o paese dell'UE. Ciò include lo sviluppo di nuove competenze per nuovi tipi di lavori richiesti dal transizioni verdi e digitali.

Maggiori informazioni sulle politiche sociali 

Fondo sociale europeo +  

Continua a leggere

Protezione dei dati

Privacy online: la lotta al GDPR

Pubblicato

on


A due anni dall'implementazione del GDPR, il 45% degli utenti Internet europei non si sente ancora sicuro della propria privacy su Internet. Sebbene la stragrande maggioranza delle aziende non venga ancora multata per non aver protetto i dati dei propri clienti, lo scopo previsto del GDPR è battuto dalla stupida complessità del rifiuto di condividere i nostri dati, molto spesso presentato come un pop-up che consente di controlla cosa accetti di condividere, molti siti web ancora non ti offrono nemmeno la possibilità di rifiutare del tutto.

Continua a leggere
pubblicità

Twitter

Facebook

pubblicità

Trending