Il "Rinascimento industriale" in Europa è a rischio?

| Giugno 12, 2019

La Commissione uscente Juncker è stata irremovibile sulla necessità di promuovere un "Rinascimento industriale" nell'Unione europea, riconoscendo già da 2014 le industrie europee sono intimamente intrecciate con l'intero tessuto economico del blocco e fissano un obiettivo ambizioso di 20% del PIL dell'Unione derivante dalla produzione di 2020.

L'attuale politica industriale europea, tuttavia, contribuisce a promuovere questa rinascita o sta invece provocando distorsioni del mercato che stanno danneggiando le piccole e medie imprese (PMI) che sono il fondamento dell'economia dell'UE? Questa cruciale domanda è stata al centro di una discussione del panel POLITICO tenuta questo martedì, giugno 11th, a Bruxelles. I responsabili delle politiche europee e i leader del settore si sono riuniti all'evento, che è stato sponsorizzato dalla Federazione dei consumatori di alluminio in Europa (FACE), un'organizzazione con sede a Bruxelles dedicata all'industria europea dell'alluminio a valle.

Nel suo discorso di apertura, Roger Bertozzi, capo dell'Ue e degli affari dell'OMC a FACE, ha suggerito che l'industria dell'alluminio è una cartina di tornasole di come la politica industriale europea stia effettivamente ostacolando la produzione a valle. L'industria dell'alluminio dell'UE, ha affermato Bertozzi, è "un esempio concreto di un settore strategico e orientato alla sostenibilità che soffre degli effetti contrari delle politiche commerciali e industriali, in contrasto con l'approccio olistico e sinergico che dovrebbe prevalere per promuovere efficacemente la competitività".

Accanto all'evento, che ha visto l'intervento di Reinhard Bütikofer (Greens / EFA), Carsten Bermig della Commissione europea, il direttore del gruppo di esperti Hosuk Lee-Makiyama e Yvette van Eechoud, direttore degli affari europei e internazionali del Ministero degli affari economici olandese -FACE ha pubblicato uno studio commissionato dall'Università LUISS Guido Carli di Roma. Lo studio, che è l'analisi più approfondita fino ad oggi della competitività dell'industria europea dell'alluminio a valle, mette in discussione l'efficacia di alcune misure politiche dell'UE apparentemente adottate per proteggere gli smelter di alluminio del blocco europeo, in particolare le tariffe di importazione tra 3% e 6% su alluminio grezzo.

Come ha dimostrato lo studio LUISS, non solo queste tariffe non sono riuscite a impedire il costante declino della fusione dell'alluminio nell'UE, ma hanno avuto effetti negativi significativi sul settore dell'alluminio a valle del continente. Poiché gli smelter con sede nell'UE hanno continuato a chiudere le porte grazie a costi operativi elevati ea energia costosa, le tariffe hanno causato un aumento di 18 miliardi di euro in costi aggiuntivi a valle, causando un ritardo rispetto alla crescente domanda globale. In effetti, mentre altri paesi, in particolare la Cina e il Medio Oriente, hanno visto aumentare la produzione di semilavorati, l'alluminio europeo a valle rimane al di sotto dei livelli di crisi pre-finanziaria.

Questa stagnazione è particolarmente devastante a causa del peso relativo del downstream nell'industria dell'alluminio dell'UE. Del milione di posti di lavoro che l'industria rappresenta in Europa, il downstream è responsabile di uno strabiliante 92%. Del fatturato annuale del settore di € 40 miliardi, il downstream può prendere il credito per circa il 70%.

Le PMI che costituiscono la parte del leone di questa industria a valle stanno già lottando di fronte alla concorrenza rigida e spesso sleale da oltreoceano, una questione che è stata ripetutamente sollevata nel panel. Come ha osservato l'eurodeputato tedesco Reinhard Bütikofer, "la Cina non sta seguendo le regole. Ride nei nostri occhi ".

Dato che queste PMI sono inoltre fortemente dipendenti dalle importazioni di alluminio grezzo e che operano in un'industria a basso margine in cui le materie prime possono compensare la metà del costo di produzione di semilavorati, le tariffe si sono seriamente intaccate la competitività del downstream.

Mercoledì, Bertozzi ha denunciato l'attuale regime tariffario come un "meccanismo di sussidio di fatto" a beneficio di un piccolo gruppo di produttori di alluminio primario. La natura del regime tariffario significa in termini pratici che gli utenti e i consumatori dell'UE non sono in grado di accedere a qualsiasi alluminio greggio a livello di prezzo esente da dazio, in quanto il premio di mercato per tutto l'alluminio greggio venduto nell'UE, indipendentemente dalla sua origine, incorpora il pieno valore della tariffa 6%.

FACE ha annunciato che sta lanciando una campagna che chiede la sospensione totale o l'azzeramento delle tariffe sull'alluminio grezzo. Senza tale cambiamento di politica, ha avvertito l'associazione, la stessa sopravvivenza dell'industria di alluminio a valle dell'UE potrebbe essere in pericolo, una perdita che darebbe un avvertimento alle prospettive di un più ampio rinascimento industriale in Europa.

tag: , , , , , , , ,

Categoria: Un Frontpage, Economia