Seguici sui social

NATO

La NATO concorda un piano di assistenza alla sicurezza e di formazione per l'Ucraina

SHARE:

Pubblicato il

on

I Ministri della Difesa della NATO hanno concluso un incontro di due giorni per preparare il vertice dell'alleanza che si terrà a Washington DC a luglio. Hanno discusso del rafforzamento della deterrenza e della difesa della NATO e del sostegno all'Ucraina. I ministri hanno concordato un piano su come la NATO guiderà il coordinamento dell'assistenza alla sicurezza e della formazione.

“Ciò consentirà ai leader della NATO di avviare questo sforzo al vertice di Washington di luglio, ponendo il nostro sostegno all’Ucraina su basi più solide per gli anni a venire”, ha affermato il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg. Con un comando a Wiesbaden, in Germania, la NATO coordinerà l'addestramento e le donazioni di attrezzature, coinvolgendo in questo sforzo quasi 700 membri del personale provenienti da paesi alleati e partner.

La NATO faciliterà inoltre la logistica delle attrezzature e fornirà sostegno allo sviluppo a lungo termine delle forze armate ucraine. "Questi sforzi non rendono la NATO una parte in conflitto, ma aumenteranno il nostro sostegno all'Ucraina per sostenere il suo diritto all'autodifesa", ha affermato il Segretario generale.

I ministri della Difesa hanno inoltre concordato le opzioni di risposta alle azioni ostili della Russia contro gli alleati. Questi includono un maggiore scambio di informazioni, una maggiore protezione delle infrastrutture critiche, comprese quelle sottomarine e nel cyberspazio, e ulteriori restrizioni sugli agenti dell’intelligence russa. "La campagna della Russia non ci impedirà di sostenere l'Ucraina e continueremo a proteggere i nostri territori e le nostre popolazioni da qualsiasi tipo di azione ostile", ha affermato Jens Stoltenberg. 

Su deterrenza e difesa, i ministri hanno discusso i nuovi piani di difesa della NATO, che i pianificatori militari stanno traducendo in requisiti concreti per le forze e le capacità necessarie per difendere l’alleanza. “Gli alleati stanno offrendo forze al comando della NATO su una scala che non si vedeva da decenni. Oggi disponiamo di 500,000 soldati in allerta in tutti i settori, un numero significativamente superiore all’obiettivo fissato al vertice di Madrid del 2022”, ha affermato il Segretario generale.

Ha aggiunto che stanno investendo in capacità chiave, sottolineando che “nei prossimi cinque anni, gli alleati della NATO in Europa e Canada pianificano di acquisire migliaia di sistemi di difesa aerea e di artiglieria, 850 aerei moderni – per lo più F-35 di quinta generazione – e anche un molte altre funzionalità di fascia alta. La NATO sta anche investendo nell’innovazione, tra cui oltre un miliardo di dollari nel Fondo per l’innovazione della NATO. I ministri hanno discusso un nuovo impegno industriale della difesa che aumenterà la produzione militare e consoliderà la cooperazione a lungo termine con l’industria. 

pubblicità

In una riunione del Gruppo di pianificazione nucleare, i ministri della difesa hanno discusso anche dell'adeguamento in corso delle capacità nucleari della NATO. “Siamo un’Alleanza nucleare, impegnata a essere responsabile e trasparente. Ma siamo chiari nella nostra determinazione a preservare la pace, prevenire la coercizione e scoraggiare le aggressioni”, ha affermato Jens Stoltenberg.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending