Seguici sui social

norme di sicurezza dei prodotti UE

I deputati approvano le nuove norme sulla sicurezza dei prodotti dell'UE  

SHARE:

Pubblicato il

on

La legge aggiornata garantirà che i prodotti nell'UE, venduti online o nei negozi tradizionali, rispettino i più elevati requisiti di sicurezza.

La scorsa settimana, i deputati hanno approvato il norme riviste sulla sicurezza dei prodotti dei prodotti di consumo non alimentari con 569 voti favorevoli, 13 contrari e nessuna astensione. Il nuovo regolamento allinea l'attuale direttiva sulla sicurezza generale dei prodotti con gli ultimi sviluppi della digitalizzazione e l'aumento degli acquisti online.

Miglioramento delle valutazioni di sicurezza

Al fine di garantire che tutti i prodotti immessi sul mercato siano sicuri per i consumatori, il regolamento sulla sicurezza generale dei prodotti include misure per garantire che durante le valutazioni della sicurezza si tenga conto anche dei rischi per i consumatori più vulnerabili (ad esempio i bambini), degli aspetti di genere e dei rischi per la sicurezza informatica .

Sorveglianza del mercato e negozi online

Il nuovo regolamento estende gli obblighi degli operatori economici (come il produttore, l'importatore, il distributore), aumenta i poteri delle autorità di vigilanza del mercato e introduce chiari obblighi per i fornitori di mercati online. I mercati online cooperano con le autorità di vigilanza del mercato per attenuare i rischi, che a loro volta possono ordinare ai mercati online di rimuovere o disabilitare l'accesso alle offerte di prodotti pericolosi senza indebito ritardo e in ogni caso entro due giorni lavorativi.

I prodotti provenienti da paesi extra UE possono essere immessi sul mercato solo se esiste un operatore economico stabilito nell'Unione Europea, responsabile della sua sicurezza.

pubblicità

Procedure di richiamo efficienti

La legislazione rinnovata migliora la procedura di richiamo del prodotto, poiché attualmente i tassi di restituzione rimangono bassi, con un terzo stimato dei consumatori dell'UE continuare a utilizzare i prodotti richiamati.

Se un prodotto deve essere richiamato, i consumatori devono essere informati direttamente e offrire loro la riparazione, la sostituzione o il rimborso. I consumatori avranno anche il diritto di presentare reclami o avviare azioni collettive. Le informazioni sulla sicurezza dei prodotti e sulle possibilità di rimedio devono essere disponibili in un linguaggio chiaro e facilmente comprensibile. Il sistema di allarme rapido per i prodotti pericolosi (“Cancello di sicurezza” portale) sarà modernizzato per consentire di rilevare i prodotti non sicuri in modo più efficace e sarà più accessibile per le persone con disabilità.

Il relatore Dita Charanzová (Rinnova, CZ) ha dichiarato: “Grazie a questa legge proteggiamo i nostri consumatori più vulnerabili, in particolare i bambini. Nel 2020, il 50% dei prodotti classificati come pericolosi proveniva dalla Cina. Con questa legge abbiamo compiuto un passo decisivo contro chi non vende prodotti sicuri in Europa.

Ogni prodotto venduto deve avere qualcuno che se ne assuma la responsabilità all'interno dell'UE. I prodotti non sicuri verranno rimossi dai siti Web entro due giorni. I consumatori saranno informati direttamente via e-mail se hanno acquistato un prodotto non sicuro. Inoltre, avranno diritto alla riparazione, alla sostituzione o al rimborso se un prodotto viene richiamato. Una volta entrata in vigore questa legge, in Europa ci saranno meno prodotti pericolosi”.

Prossimi passi

Anche il Consiglio dovrà approvare formalmente il testo, prima della sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'UE e dell'entrata in vigore. Il regolamento si applicherà 18 mesi dopo la sua entrata in vigore.

sfondo

Nel 2021, Il 73% dei consumatori ha acquistato prodotti online (rispetto al 50% nel 2014) e nel 2020, Il 21% ha ordinato qualcosa al di fuori dell'UE (8% nel 2014). Secondo Cancelli di sicurezza Relazione annuale 2020, il 26% delle notifiche di prodotti pericolosi ha riguardato prodotti venduti online, mentre almeno il 62% ha riguardato prodotti provenienti da paesi extra UE e SEE.

Le nuove regole sono proiettato far risparmiare ai consumatori dell'UE circa 1 miliardo di euro nel primo anno e circa 5.5 miliardi nel prossimo decennio. Riducendo il numero di prodotti non sicuri sul mercato, le nuove misure dovrebbero ridurre i danni causati ai consumatori dell'UE a causa di incidenti prevenibili legati ai prodotti (stimati oggi a 11.5 miliardi di euro all'anno) e i costi dell'assistenza sanitaria (stimati a 6.7 ​​miliardi di euro l'anno). miliardi all'anno).

Maggiori informazioni 

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.
pubblicità

Trending