Seguici sui social

La tecnologia digitale

L’UE punta ad assumere un ruolo guida a livello mondiale nel campo dell’intelligenza artificiale con il nuovo Ufficio AI

SHARE:

Pubblicato il

on


La Commissione Europea ha inaugurato un Ufficio AI, con l’obiettivo di consentire il futuro sviluppo, diffusione e utilizzo dell’intelligenza artificiale in modo da favorire i benefici sociali ed economici e l’innovazione, mitigando al tempo stesso i rischi. L’Ufficio svolgerà un ruolo chiave nell’attuazione della legge sull’AI, soprattutto in relazione ai modelli di IA di uso generale. Lavorerà inoltre per promuovere la ricerca e l’innovazione nel campo dell’IA affidabile e posizionare l’UE come leader nelle discussioni internazionali.

L'ufficio AI è composto da:

  • Un’unità di regolamentazione e conformità per coordinare l’approccio normativo per facilitare l’applicazione uniforme e l’attuazione della legge sull’intelligenza artificiale in tutta l’Unione, lavorando a stretto contatto con gli Stati membri. L'unità contribuirà alle indagini su possibili violazioni e amministrerà le sanzioni.
  • Un’unità sulla sicurezza dell’IA che si concentrerà sull’identificazione dei rischi sistemici di modelli generici molto capaci, sulle possibili misure di mitigazione, nonché sulla valutazione e sulla sperimentazione degli approcci.
  • Un’unità di eccellenza nell’intelligenza artificiale e nella robotica che supporterà e finanzierà la ricerca e lo sviluppo per favorire un ecosistema di eccellenza, coordinando l’iniziativa GenAI4EU, stimolando lo sviluppo di modelli e la loro integrazione in applicazioni innovative.
  • Un’unità AI for Social Good per progettare e implementare l’impegno internazionale dell’Ufficio AI nell’intelligenza artificiale per sempre, come la modellizzazione meteorologica, le diagnosi del cancro e i gemelli digitali per la ricostruzione.
  • Un’unità per l’innovazione e il coordinamento delle politiche in materia di intelligenza artificiale che supervisionerà l’attuazione della strategia dell’UE sull’intelligenza artificiale, monitorando le tendenze e gli investimenti, stimolando l’adozione dell’intelligenza artificiale attraverso una rete di poli europei dell’innovazione digitale e la creazione di fabbriche di intelligenza artificiale e promuovendo un ecosistema innovativo sostenendo sandbox normativi e test nel mondo reale.

L'Ufficio AI sarà guidato dal Capo dell'Ufficio AI e lavorerà sotto la guida di un consulente scientifico capo per garantire l'eccellenza scientifica nella valutazione di modelli e approcci innovativi, e di un consigliere per gli affari internazionali per dare seguito al nostro impegno a lavorare in stretto contatto con i partner internazionali su un’intelligenza artificiale affidabile.

L’Ufficio AI impiegherà più di 140 dipendenti per svolgere i suoi compiti. Lo staff comprenderà specialisti di tecnologia, assistenti amministrativi, avvocati, specialisti di politiche ed economisti.

L’ufficio garantirà l’attuazione coerente della legge sull’AI, supportando gli organi di governance negli Stati membri. L’Ufficio AI applicherà inoltre direttamente le regole per i modelli di IA di uso generale. In collaborazione con gli sviluppatori di IA, la comunità scientifica e altre parti interessate, l’Ufficio AI coordinerà l’elaborazione di codici di condotta all’avanguardia, condurrà i test e la valutazione di modelli di IA di uso generale, richiederà informazioni e applicherà sanzioni , quando necessario.

Per garantire un processo decisionale ben informato, l’Ufficio AI collaborerà con gli Stati membri e con la più ampia comunità di esperti attraverso forum dedicati e gruppi di esperti. A livello dell’UE l’Ufficio AI lavorerà a stretto contatto con il Comitato europeo per l’intelligenza artificiale composto da rappresentanti degli Stati membri. Il gruppo scientifico di esperti indipendenti garantirà un forte legame con la comunità scientifica e ulteriori competenze saranno raccolte in un forum consultivo, che rappresenta una selezione equilibrata di parti interessate, tra cui industria, startup e PMI, mondo accademico, think tank e società civile.

L’Ufficio AI promuoverà un ecosistema innovativo dell’UE per un’IA affidabile. Contribuirà a ciò fornendo consulenza sulle migliori pratiche e consentendo l'accesso ai sandbox sull'intelligenza artificiale, ai test nel mondo reale e ad altre strutture europee di supporto per l'adozione dell'intelligenza artificiale, come le strutture di test e sperimentazione nell'intelligenza artificiale, gli hub europei dell'innovazione digitale e l'IA Fabbriche. Sosterrà le attività di ricerca e innovazione nel campo dell’intelligenza artificiale e della robotica e implementerà iniziative come GenAI4EU, per garantire che i modelli di intelligenza artificiale per uso generale realizzati in Europa e addestrati tramite supercomputer dell’UE siano perfezionati e integrati in nuove applicazioni in tutta l’economia , stimolando gli investimenti.

pubblicità

Infine, l’Ufficio AI dovrà garantire un approccio europeo strategico, coerente ed efficace sull’IA a livello internazionale, diventando un punto di riferimento globale.

Le modifiche organizzative entreranno in vigore il 16 giugno. La prima riunione del Consiglio dell'AI dovrebbe svolgersi entro la fine di giugno. L’Ufficio AI sta elaborando le linee guida sulla definizione del sistema AI e sui divieti, che saranno attuate entrambe sei mesi dopo l’entrata in vigore della legge sull’AI, prevista entro fine luglio 2024. L’Ufficio si sta inoltre preparando a coordinare le elaborazione di codici di condotta per gli obblighi sui modelli di IA di carattere generale, previsti nove mesi dopo l'entrata in vigore.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending