Seguici sui social

Coronavirus

L'UE intensifica la spinta digitale con il portafoglio di identità digitale

Pubblicato

on

La Commissione europea annuncerà oggi (3 giugno) piani per un portafoglio di identità digitale per consentire agli europei di accedere a servizi pubblici e privati, in parte spinti dalla pandemia di COVID-19 che ha visto un enorme aumento dei servizi online, scrive Foo Yun Chee.

La mossa cerca anche di contrastare la crescente popolarità dei portafogli digitali offerti da Apple (AAPL.O), alfabeto (GOOGL.O) unità Google, Thales (TCFP.PA) e istituzioni finanziarie che secondo i critici potrebbero porre problemi di privacy e protezione dei dati.

Il portafoglio di identità digitale "può essere utilizzato ovunque nell'UE per identificare e autenticarsi per l'accesso ai servizi nel settore pubblico e privato, consentendo ai cittadini di controllare quali dati vengono comunicati e come vengono utilizzati", secondo un documento della Commissione esaminato da Reuters .

Il portafoglio consentirà anche firme elettroniche qualificate che possono facilitare la partecipazione politica, afferma il documento di 73 pagine.

L'adozione di un portafoglio elettronico potrebbe generare fino a 9.6 miliardi di euro (11.7 miliardi di dollari) in benefici per l'UE e creare fino a 27,000 posti di lavoro in un periodo di cinque anni, afferma il documento.

Riducendo le emissioni legate ai servizi pubblici, il portafoglio elettronico potrebbe anche avere un impatto ambientale positivo, afferma il documento.

Attualmente 14 paesi dell'UE hanno i propri schemi di identità digitale, di cui solo sette sono app mobili.

($ 1 = € 0.8189)

Coronavirus

Coronavirus: la Commissione aumenta i finanziamenti alla ricerca con 120 milioni di euro per 11 nuovi progetti contro il virus e le sue varianti

Pubblicato

on

La Commissione ha selezionato 11 nuovi progetti per un valore di 120 milioni di euro da Horizon Europe, il più grande programma europeo di ricerca e innovazione (2021-2027), per sostenere e consentire la ricerca urgente sul coronavirus e le sue varianti. Questo finanziamento fa parte di una vasta gamma di azioni di ricerca e innovazione adottato per combattere il coronavirus e contribuisce all'azione globale della Commissione per prevenire, mitigare e rispondere all'impatto del virus e delle sue varianti, in linea con il nuovo piano europeo di preparazione alla biodifesa Incubatore HERA. Gli 11 progetti selezionati coinvolgono 312 gruppi di ricerca provenienti da 40 paesi, inclusi 38 partecipanti da 23 paesi al di fuori dell'UE.

Mariya Gabriel, commissario per l'innovazione, la ricerca, la cultura, l'istruzione e la gioventù, ha dichiarato: "L'Unione europea ha intrapreso un'azione forte per combattere la crisi del coronavirus. Oggi stiamo intensificando i nostri sforzi di ricerca per affrontare le sfide e le minacce che presentano le varianti del coronavirus. Sostenendo questi nuovi progetti di ricerca e rafforzando e aprendo infrastrutture di ricerca pertinenti, continuiamo a combattere questa pandemia e a prepararci per le minacce future».

La maggior parte dei progetti sosterrà le sperimentazioni cliniche per nuovi trattamenti e vaccini, nonché lo sviluppo di coorti e reti di coronavirus su larga scala oltre i confini europei, creando legami con Iniziative europee. La Commissione è stata in prima linea nel sostenere la ricerca e l'innovazione e nel coordinare gli sforzi di ricerca europei e mondiali, compresa la preparazione alle pandemie. Ha promesso 1.4 miliardi di euro al to Risposta globale al coronavirus, Di cui € 1bn proviene da Horizon 2020, il precedente programma di ricerca e innovazione dell'UE (2014-2020). I nuovi progetti integreranno quelli precedentemente finanziati nell'ambito di Orizzonte 2020 per combattere la pandemia. Maggiori informazioni sono disponibili in a comunicato stampa.

Continua a leggere

Coronavirus

Coronavirus: consigli pratici per viaggiare sicuri

Pubblicato

on

Dopo mesi di lockdown, i viaggi e il turismo sono lentamente ripartiti. Scopri cosa raccomanda l'UE per garantire un viaggio sicuros, Società.

Mentre le persone devono prendere precauzioni e seguire le istruzioni in materia di salute e sicurezza delle autorità nazionali, la Commissione europea ha escogitato linee guida e raccomandazioni per aiutarti a viaggiare in sicurezza:

L'Agenzia per la sicurezza aerea dell'Unione europea raccomanda quanto segue durante il volo: 

  • Non viaggiare se hai sintomi come tosse, febbre, mancanza di respiro, perdita del gusto o dell'olfatto 
  • Completa la tua dichiarazione di salute prima del check-in e, se possibile, effettua il check-in online 
  • Assicurati di avere abbastanza mascherine per il viaggio (di solito dovrebbero essere cambiate ogni quattro ore) 
  • Lascia abbastanza tempo per controlli e procedure extra in aeroporto; tieni tutti i documenti pronti 
  • Indossa una mascherina medica, pratica l'igiene delle mani e il distanziamento fisico 
  • Tossire o starnutire in un fazzoletto o nel gomito 
  • Limita i tuoi movimenti in aereo 

Il Parlamento insiste dal marzo 2020 su a un'azione forte e coordinata dell'UE per superare la crisi del settore turistico, quando ha richiesto un nuovo Strategia europea per rendere il turismo più pulito, sicuro e sostenibile oltre che per aiutare a rimettere in piedi il settore dopo la pandemia

Scopri di più su cosa sta facendo l'UE per combattere il coronavirus.

per ulteriori informazioni 

Continua a leggere

Coronavirus

Segnali di allarme per la ripresa globale mentre Delta riduce le prospettive

Pubblicato

on

By

Le persone portano le borse della spesa Primark dopo che le restrizioni al dettaglio dovute alla malattia da coronavirus (COVID-19) sono state allentate, a Belfast, Irlanda del Nord, 4 maggio 2021. REUTERS/Clodagh Kilcoyne/File Photo

Una sconfitta nei mercati azionari mondiali e un'enorme fuga verso la sicurezza nei titoli del Tesoro USA questa settimana suggeriscono agli investitori che ora dubitano che un tanto atteso ritorno alla normalità post-COVID sia fattibile in tempi brevi, scrivere Saikat Chatterjee e ritvik Carvalho.

I dati provenienti da Stati Uniti e Cina, che rappresentano oltre la metà della crescita mondiale, suggeriscono un rallentamento del recente ritmo frenetico dell'economia globale insieme all'aumento dei prezzi per tutti i tipi di beni e materie prime.

In coincidenza con una rinascita della variante Delta di COVID-19, i mercati potrebbero inviare segnali di allarme sulle prospettive economiche globali, ha detto ai clienti il ​​capo stratega FX di Deutsche Bank George Saravelos.

"Con l'aumento dei prezzi, il consumatore ha ridotto la domanda piuttosto che anticipare i consumi. Questo è l'opposto di quello che ci si aspetterebbe se l'ambiente fosse realmente inflazionistico e mostrasse che l'economia globale ha un limite di velocità molto basso", ha scritto Saravelos. .

Questo sentimento era evidente anche negli ultimi dati di flusso. Bank of America Merill Lynch ha segnalato preoccupazioni per la "stagflazione" per la seconda metà del 2021, osservando il rallentamento degli afflussi in azioni e dei deflussi dalle attività ad alto rendimento.

I dati sul posizionamento valutario settimanale degli hedge fund sono l'indicatore in tempo reale più vicino disponibile del pensiero degli investitori sui mercati valutari da $ 6.6 trilioni al giorno.

Con il dollaro al suo massimo da fine marzo, gli ultimi dati della Commodity Futures Trading Commission mostrano che le posizioni lunghe nette sul dollaro contro un paniere delle principali valute sono le più grandi da marzo 2020. Il posizionamento era sceso a una scommessa corta netta di recente all'inizio di giugno .

L'apprezzamento del dollaro rispetto all'euro e alle valute dei mercati emergenti non è sorprendente data l'incertezza economica, ha affermato Ludovic Colin, senior portfolio manager di Vontobel Asset Management.

"Ogni volta che gli americani si preoccupano della crescita nazionale o globale, rimpatriano denaro e acquistano dollari", ha aggiunto.

Negli ultimi mesi, gli investitori ottimisti su una ripresa economica hanno inviato un'ondata di liquidità nei cosiddetti settori ciclici come le banche, il tempo libero e l'energia. Si tratta, insomma, di aziende che beneficiano di una ripresa economica.

La marea potrebbe ora scendere.

Invece i titoli "crescita", in particolare la tecnologia, hanno sovraperformato i suoi omologhi di valore di oltre 3 punti percentuali dall'inizio di luglio. Molti clienti di Goldman Sachs ritengono che la rotazione ciclica sia stata un fenomeno di breve durata guidato dalla ripresa da una recessione insolita, ha affermato la banca.

Anche i titoli difensivi come i servizi di pubblica utilità sono tornati in auge. Un paniere di titoli value compilato da MSCI sta testando i suoi livelli più bassi per quest'anno contro i concorrenti difensivi, dopo essere aumentato dell'11% nei primi sei mesi del 2021.

All'inizio di quest'anno, la traiettoria del dollaro è stata determinata dai differenziali dei tassi di interesse di cui gode il debito statunitense rispetto ai suoi rivali, con un picco di correlazioni a maggio.

Sebbene i rendimenti statunitensi reali o corretti per l'inflazione siano ancora superiori a quelli tedeschi, il calo dei rendimenti nominali statunitensi al di sotto dell'1.2% questa settimana ha sollevato preoccupazioni per le prospettive di crescita globale.

Ulrich Leuchtmann, responsabile FX di Commerzbank, ha affermato che se la produzione e il consumo globali non tornano presto ai livelli del 2019, si deve ipotizzare un percorso del PIL permanentemente inferiore. Ciò si riflette in una certa misura nei mercati obbligazionari.

Il sentimento degli investitori è diventato più cauto, secondo i sondaggi settimanali dell'American Association of Individual Investors. BlackRock, il più grande gestore di investimenti al mondo, ha ridotto le azioni statunitensi a neutrale nella sua prospettiva di metà anno.

Stephen Jen, che gestisce l'hedge fund Eurizon SLJ Capital, ha osservato che poiché il ciclo economico della Cina è stato superiore a quello degli Stati Uniti o dell'Europa, i dati più deboli stanno filtrando attraverso il sentimento degli investitori in Occidente.

Anche i popolari scambi di reflazione nei mercati delle materie prime hanno registrato un'inversione. Il rapporto tra i prezzi oro/rame è sceso del 10% dopo essere salito a più di 6-1/2 anni a maggio.

Continua a leggere
pubblicità
pubblicità

Trending