Seguici sui social

Affari

Preoccupazioni sulla privacy relative all'euro digitale della Banca centrale europea

SHARE:

Pubblicato il

on

La Banca Centrale Europea (BCE) è una delle numerose banche centrali che stanno cercando di implementare una valuta digitale della banca centrale (CBDC). Secondo riparazioni condotto dal think tank The Atlantic Council con sede a Washington DC, 130 paesi, che rappresentano il 98% del PIL totale mondiale, stanno attualmente esplorando una CBC. Mentre 11 sono stati lanciati, 21 sono nella fase pilota e 33 sono ancora in fase di sviluppo.

La BCE ha pubblicato per la prima volta un rapporto CBDC nell'ottobre 2020 e nello stesso mese ha richiesto un marchio. Da allora, la banca al vertice dell’UE ha fatto alcuni passi avanti verso un euro digitale, da una fase di indagine a un potenziale test e al possibile lancio nel 2026.

Numerosi argomenti sono a favore di un euro digitale, tra cui la sicurezza dei dati delle transazioni, una migliore efficienza con l’eliminazione degli intermediari e una maggiore privacy. Tuttavia, le parti interessate hanno sollevato molteplici preoccupazioni, tra cui l’utilità e la privacy.

Ci sono diverse migliaia di criptovalute attualmente scambiate su centinaia di scambi di criptovalute in tutto il mondo. Sebbene ci siano molti altri motivi per cui le persone detengono criptovalute, molti si rivolgono a a elenco aggiornato frequentemente di asset crittografici volatili che potrebbero portare rendimenti per investitori informati; il loro utilizzo più comune è a fini di investimento a causa della loro natura speculativa. Tuttavia, poiché l’Euro Digitale funziona come una stablecoin, non soddisfa questo uso comune delle criptovalute.

La BCE ha pubblicizzato le caratteristiche dell’Euro digitale che supportano l’utilità. Purtroppo questo sentimento non è diffuso. Secondo il governatore della Banca centrale austriaca, Robert Holzmann, "ciò che manca ancora è una trama convincente per l'euro digitale, qualcosa che possiamo presentare alla gente".

Oltre all'utilità unica, i sostenitori della tecnologia blockchain e delle criptovalute indipendenti temono che l'euro digitale sarà controllato quanto il denaro fiat dal momento che è emesso dalla BCE. Per molti, l’Euro digitale è semplicemente una versione blockchain della moneta fiat, con la stessa possibilità di controllo o interferenza che esiste con le valute fiat.

Evelien Witlox, responsabile del programma della BCE per l'euro digitale, ha sottolineato che la CBDC ha caratteristiche che impedirebbero alla BCE di interferire indebitamente. Secondo Witlox, la BCE non può tenere traccia dei dati degli utenti privati ​​o utilizzare la programmazione per limitare o impedire alle persone di spendere come preferiscono. Molti, però, non sono convinti. Witlox ha ammesso che la BCE sta combattendo un grave problema di credibilità da parte del grande pubblico, un serio ostacolo ad un’adozione diffusa.

pubblicità

Un euro digitale ufficiale documento fa eco in qualche modo al commento di Witlox. Secondo la Bce “l’anonimato degli utenti non è una caratteristica auspicabile” perché renderebbe difficile il controllo della quantità di denaro in circolazione. La BCE afferma inoltre che l’anonimato renderebbe difficile la prevenzione del riciclaggio di denaro. Sebbene la banca Apex prometta di visualizzare solo i dati minimi delle transazioni richiesti per la convalida dei pagamenti, queste affermazioni non hanno fatto abbastanza per dissipare i timori del pubblico.

Fortunatamente, la BCE è consapevole di tutto il lavoro che deve fare per ottenere sufficiente fiducia da parte del pubblico e promuovere l’adozione dell’euro digitale. Nell’aprile 2021 la BCE ha pubblicato un’analisi di una consultazione pubblica condotta sull’Euro digitale. Dall’indagine è emerso che la questione più preoccupante, per il 43% degli intervistati, è la privacy.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending