Seguici sui social

Affari

Bank Trust fa causa ai principali trader di BVI per oltre $ 1 miliardo in uno schema fraudolento

SHARE:

Pubblicato il

on

Il Bank Trust russo ha intentato una causa in un tribunale delle Isole Vergini britanniche contro diversi importanti commercianti di materie prime internazionali, tra cui Cargill, Louis Dreyfus, Bunge, Quadra, Xangbo e Liberty Commodities, sostenendo di aver partecipato a uno schema fraudolento con conseguenti danni finanziari per oltre $ 1 miliardo.

La decisione di Bank Trust di presentare la causa in un tribunale straniero sottolinea la continua ricerca da parte della Russia di recuperare fondi dopo una crisi bancaria verificatasi diversi anni fa. Fungendo da ombrello per i prestiti in sofferenza di Binbank, Otkritie e Promsvyazbank – istituti di credito salvati dalla banca centrale russa nel 2017 – Trust cerca di capitalizzare la credibilità di un sistema giudiziario internazionale per sostenere la propria causa e migliorare le prospettive di recupero gli ingenti importi in gioco.

Nel querela intentata al court, Bank Trust ha accusato i principali trader di aver cospirato con l'uomo d'affari russo Mikail Shishkhanov, ex proprietario di grandi istituti di credito privati ​​Binbank e Rost Bank.

Secondo la causa, tra il 2013 e il 2017, Shishkhanov avrebbe colluso con i commercianti delle principali società di commercio di materie prime per nascondere i trasferimenti da Binbank, destinati a dissipare fondi in violazione delle normative finanziarie.

Bank Trust afferma che Binbank ha fornito fondi a questi trader sotto forma di finanziamenti commerciali, che sono stati successivamente reindirizzati a società offshore collegate a Shishkhanov tramite transazioni ombra. I commercianti hanno quindi rimborsato il denaro dovuto a Binbank in base ai loro accordi di finanziamento commerciale utilizzando fondi forniti dalla banca attraverso prestiti separati a Rost Bank. Questi fondi sono stati trasferiti ai trader tramite un'altra serie di transazioni ombra con varie altre società e non sono mai stati restituiti a Rost Bank.

Bank Trust sostiene che i commercianti internazionali abbiano consapevolmente partecipato allo schema fraudolento, non assumendosi alcun rischio finanziario mentre ricevevano commissioni, mentre nascondevano anche i veri motivi dietro le loro transazioni con il pretesto di acquistare e vendere merci come grano o gomma grezza.

Secondo l'affermazione, non ha avuto luogo alcuna spedizione effettiva delle merci. Le transazioni di finanziamento commerciale tra Binbank e i trader sembravano essere state regolate correttamente nei registri di Binbank, ma l'effettiva dissipazione di attività che si è verificata attraverso queste transazioni non era rilevabile.

pubblicità

Come risultato dello schema, Binbank sarebbe stata in grado di manipolare i suoi bilanci mostrando gli elevati rating creditizi delle sue controparti nominali, come noti trader affidabili, invece dei rating creditizi delle sue effettive controparti, che erano società di comodo offshore .

Nel settembre 2017, la Banca di Russia ha posto Binbank e Rost Bank sotto amministrazione temporanea, dovendo fornire fondi a Rost Bank per consentire a quest'ultima di restituire denaro a Binbank. Di conseguenza, Rost Bank ha subito il principale danno finanziario derivante dal regime in quanto ha dovuto riconoscere le perdite subite dalle transazioni con le sue controparti interessate.

Bank Trust ha affermato di agire come successore legale di Rost Bank ai sensi della legge russa e quindi ha la legittimazione legale a richiedere i danni subiti da Rost Bank.

"Siamo impegnati a ritenere le persone che hanno preso parte a questa truffa responsabili delle loro azioni. Questa attività illegale ha causato danni significativi ai clienti di Bank Trust, ai comuni russi, e perseguiremo tutte le vie legali a nostra disposizione per chiedere giustizia per i creditori ”, ha dichiarato un portavoce di Bank Trust in una nota.

Al momento della pubblicazione Cargill, Louis Dreyfus, Bunge, Quadra, Xangbo e Liberty Commodities così come Shishkanov non hanno risposto a una richiesta di commento.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending