Seguici sui social

Affari

L'Europa si spara sui piedi cercando di vietare la gomma russa

SHARE:

Pubblicato il

on

Il capo della Commissione europea Ursula von der Leyen promesso di introdurre questo mese un nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia, in occasione del primo anniversario dell'invasione russa in Ucraina. Questo sarebbe già il decimo pacchetto di sanzioni anti-russe. Nuove sanzioni vengono imposte quasi ogni mese e ogni volta l'UE deve allargare la sua immaginazione per inventare nuove persone ed entità da sanzionare.

Secondo Interfax newswire, il nuovo pacchetto di sanzioni potrebbe includere un divieto di acquisto di gomma sintetica russa, che è stata un'importante materia prima per i produttori di pneumatici europei. L'iniziativa di vietare la gomma russa sembra provenire da un concorrente, il gruppo polacco Synthos, che sta lavorando per espandere la propria produzione di gomma.

Molte fabbriche di pneumatici - in particolare in Italia, Germania, Repubblica Ceca, Ungheria e Romania - non sono molto contente di pressioni così esplicite. Il loro processo di produzione si basa su alcuni gradi di gomma forniti dalla Russia, che Synthos non è in grado di produrre. Se la gomma russa dovesse essere bandita completamente, questi stabilimenti dovranno trovare alternative da fornitori situati più lontano e pagare un prezzo più alto, il che potrebbe portare a perdite economiche.

La maggior parte dei prodotti russi come petrolio, gas naturale, carbone, acciaio, plastica, legno, ecc. sono già soggetti alle restrizioni dell'UE. Ciò non ha avuto un impatto significativo sulla Russia, le cui aziende sono riuscite a reindirizzare le esportazioni verso la Cina e altri mercati emergenti, né ha costretto il Cremlino a fermare le azioni militari in Ucraina. Al contrario, queste restrizioni commerciali hanno causato problemi alla stessa Europa, aumentando i prezzi dell'energia e interrompendo le catene di approvvigionamento esistenti.

Di conseguenza, aziende come BASF, ArcelorMittal, Volkswagen e altre lo sono state recentemente ridimensionando le operazioni in Europa e cercando invece di espandersi in Nord America. Il divieto totale della gomma russa potrebbe avere un effetto altrettanto devastante sui produttori di pneumatici europei in un momento in cui la domanda in Europa è già sotto pressione a causa dell'inflazione dei prezzi al consumo e delle difficoltà nel settore automobilistico.

Lo scorso anno molti produttori di pneumatici europei hanno già avvertito il problema. Sotto la pressione politica e pubblica, aziende che vanno da Michelin a Nokian Tyres sono uscite dalla Russia, dove disponevano di impianti di produzione di alta qualità. Hanno utilizzato queste strutture come base non solo per rifornire il grande mercato locale, ma anche per esportare pneumatici in Europa, approfittando del basso costo di materie prime, elettricità e manodopera in Russia.

Nel tentativo di ridurre i rischi della catena di approvvigionamento, lo scorso anno anche alcuni produttori di pneumatici in Europa hanno iniziato ad autosanzionarsi. Hanno ridotto i loro acquisti di gomma sintetica dalla Russia e sono passati a prodotti provenienti da regioni più lontane come Cina, India e Stati Uniti, anche se i loro prodotti sono più costosi a causa dei maggiori costi di spedizione. La quota di gomma sintetica russa nelle importazioni dell'UE è scesa dal 53% nel 2021 al 30% lo scorso anno. Allo stesso tempo, anche i volumi della produzione europea di pneumatici caduto tra l'inflazione dei costi.

pubblicità

Tuttavia, per molti stabilimenti di pneumatici europei l'efficienza economica è rimasta più importante della politica e hanno continuato ad acquistare gomma sintetica dalla Russia a causa di condizioni favorevoli e convenienza tecnologica. Ora, l'UE potrebbe costringerli a cambiare la catena di approvvigionamento esistente e ad affrontare costi più elevati, il che metterà a rischio la domanda del loro prodotto.

L'idea di punire la Russia con un rubber ban può avere un certo significato politico, ma economicamente non può resistere alle critiche. Sembra che l'UE possa spararsi ancora una volta sui piedi, danneggiando i propri produttori e lasciando indenne la Russia.

Condividi questo articolo:

EU Reporter pubblica articoli da una varietà di fonti esterne che esprimono un'ampia gamma di punti di vista. Le posizioni assunte in questi articoli non sono necessariamente quelle di EU Reporter.

Trending