Seguici sui social

Affari

Ricerca e innovazione scientifica essenziali per la ripresa economica in Europa

Pubblicato

on

Il prossimo bilancio dell'UE per il periodo 2021-2027 aprirà la strada a un forte sostegno dell'UE ai settori della ricerca, dell'innovazione e della scienza, di vitale importanza per la realizzazione della ripresa economica in Europa, scrive David Harmon.

Il Parlamento europeo voterà il prossimo 23 novembre sulle disposizioni del quadro di bilancio dell'UE rivisto per il periodo 2021-2027.

Attualmente vengono stanziati 94 miliardi di euro per finanziare Orizzonte Europa, NextGenerationEU ed Europa digitale. Si tratta di iniziative chiave dell'UE che garantiranno che l'UE rimanga in prima linea nello sviluppo di nuove tecnologie digitali. Questo è ora più importante che mai. La trasformazione digitale è al centro della scena in termini di come la tecnologia svilupperà le industrie verticali chiave e le future reti intelligenti in Europa.

L'Europa ha il know-how per raggiungere i suoi obiettivi strategici chiave nell'ambito di questi importanti programmi faro dell'UE e per farlo in modo ambientale.

La conclusione è che ora viviamo nell'era del 5G. Ciò significa che nuovi prodotti come video ad alta definizione e veicoli a guida autonoma diventeranno una realtà nella vita di tutti i giorni. Il 5G sta guidando questo processo di innovazione ICT. Ma gli Stati membri dell'UE devono lavorare insieme per rendere il 5G un successo in modo da sviluppare economicamente l'Europa e affrontare in modo completo le più ampie esigenze della società.

Gli standard ICT devono operare in modo strutturato e interconnesso. I governi devono garantire che le politiche sullo spettro siano gestite in modo da garantire che le auto a guida autonoma possano viaggiare senza problemi attraverso i confini.

Le politiche a livello dell'UE che promuovono l'eccellenza nella scienza attraverso il Consiglio europeo della ricerca e il Consiglio europeo per l'innovazione stanno ora assicurando che prodotti TIC altamente innovativi entrino con successo nel mercato dell'UE.

Ma i settori pubblico e privato devono continuare a lavorare a stretto contatto nella realizzazione degli obiettivi politici dell'UE che incorporano e integrano pienamente i settori della ricerca, dell'innovazione e della scienza.

Già nell'ambito di Orizzonte Europa vengono istituiti numerosi partenariati pubblico privato che copriranno lo sviluppo sia delle tecnologie digitali chiave che delle reti e dei servizi intelligenti. Il processo di innovazione funziona al meglio quando le comunità private, pubbliche, educative e di ricerca collaborano e cooperano insieme per il perseguimento di obiettivi politici comuni.

Infatti, anche in un contesto più ampio, i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite possono essere raggiunti tramite scienziati e ricercatori di tutto il mondo che si impegnano in progetti comuni.

L'Europa sta sfruttando i suoi punti di forza nell'ambito del programma Horizon Europe.

L'Europa ospita alcuni dei migliori sviluppatori di software al mondo. Oltre un quarto di tutto il mondo [email protected] si svolge in Europa.

Horizon Europe e il suo programma predecessore Horizon 2020 sono riconosciuti come le principali iniziative di ricerca globale. Ma l'industria deve farsi avanti se vuole che Orizzonte Europa abbia successo.

Horizon Europe deve e sosterrà il processo di innovazione.

Questa è la chiave se le industrie tradizionali come l'energia, i trasporti, la salute e i settori manifatturiero saranno adatte all'era digitale.

La collaborazione e la cooperazione internazionale possono e sosterranno l'attuazione degli obiettivi strategici di politica autonoma dell'UE.

Stiamo vivendo una rivoluzione digitale. Dobbiamo lavorare tutti insieme per rendere questa rivoluzione un successo positivo per tutti e questo include il superamento del divario digitale.

David Harmon è direttore degli affari del governo dell'UE presso Huawei Technologies

Ora che l'Europa è sul punto di assicurarsi l'accordo sui termini del nuovo bilancio dell'UE 20210-2027, le parti interessate possono prepararsi per il primo invito a presentare proposte nell'ambito di Orizzonte Europa. La pubblicazione di tali inviti avverrà entro il primo trimestre del 2021. I progressi nei settori dell'IA, dei big data, del cloud computing e del calcolo ad alte prestazioni giocheranno tutti un ruolo fondamentale nel portare nuovi prodotti e servizi TIC innovativi sul mercato. Quest'anno abbiamo assistito in prima persona al ruolo molto positivo che le nuove tecnologie possono svolgere nel supportare piattaforme online ad alta velocità e nel migliorare le connessioni per aziende, amici e famiglie.

Ovviamente dovranno essere predisposti quadri politici per far fronte alle tecnologie in evoluzione che stanno entrando in funzione. La società civile, l'industria, i settori dell'istruzione e dei ricercatori devono essere pienamente coinvolti nello sviluppo di questa tabella di marcia legislativa.

Conosciamo le sfide che ci attendono. Quindi affrontiamo attivamente queste sfide in uno spirito di determinazione, amicizia e cooperazione internazionale.

David Harmon è direttore degli affari del governo dell'UE presso Huawei Technologies ed è un ex membro del gabinetto del Commissario europeo per la ricerca, l'innovazione e la scienza durante il periodo 2010-2014.

Affari

La società di sicurezza internazionale Bollé annuncia una partnership con il produttore gallese per guidare la fornitura internazionale di dispositivi di protezione degli occhiali

Pubblicato

on

La produzione di una nuova gamma di occhiali di sicurezza per uno dei nomi leader mondiali del settore, Bollé, è iniziata in un sito in Galles. Capsulaé Safety, specialista nello sviluppo di occhiali per dispositivi di protezione individuale (DPI), ha annunciato una partnership con l'azienda gallese RotoMedical, parte del Gruppo Rototherm, che è diventata il produttore esclusivo dell'azienda francese nel Regno Unito di occhiali DPI per il settore sanitario.

Più di tre milioni di articoli DPI saranno prodotti al mese presso la base di produzione di RotoMedical a Port Talbot, nel Galles meridionale, dopo l'avvio della produzione all'inizio di giugno. La partnership, che è stata elogiata da Life Sciences Hub Wales, vedrà i prodotti distribuiti nel Regno Unito e in Irlanda, nonché esportati nei mercati sanitari di tutto il mondo, con regioni chiave tra cui Europa, Australia e Nord America.

L'espansione di RotoMedical nel settore delle scienze della vita è stata supportata da Life Sciences Hub Wales, che ha lavorato per fornire all'azienda l'accesso a contatti, competenze e consigli per aiutare con l'espansione.

Prima del lancio della produzione, i rappresentanti senior di Bollé, che ha la sua sede europea a Lione, hanno visitato la base di produzione di RotoMedical nelle valli gallesi per effettuare controlli sul prodotto finale e confermare le certificazioni.

Il vicepresidente delle vendite di Bollé Safety Ian Walbeoff ha dichiarato: “In Bollé Safety, la nostra missione è sempre stata quella di proteggere la vista degli operatori sanitari di tutto il mondo, anche negli ambienti più difficili, assicurando che siano in grado di lavorare in sicurezza in prima linea. Al centro del nostro marchio c'è un desiderio genuino di innovare continuamente e utilizzare la migliore tecnologia disponibile per creare prodotti di altissima qualità e la nostra partnership con RotoMedical svolgerà un ruolo chiave nel raggiungimento di questo obiettivo.

“La combinazione di eredità e competenze di lunga data delle nostre aziende ci consentirà di progettare, produrre e assemblare in modo collaborativo prodotti che mettono l'innovazione al primo posto e stabiliscono un nuovo standard industriale globale quando si tratta di prestazioni, eccellenza e sostenibilità”.

Rototherm Group, azienda che risale al 1880, è specializzata nella produzione di strumenti di misura industriali. Durante la pandemia, l'azienda si è orientata verso la produzione anche di maschere mediche e visiere protettive per operatori sanitari e assistenziali con il marchio RotoMedical.

Dall'arrivo della pandemia nel Regno Unito, il produttore di Port Talbot ha aumentato la capacità di produzione di visiere in plastica da 1,000 al giorno a 250,000 a settimana. Questo rapido successo ha catalizzato un'ulteriore espansione nel settore delle scienze della vita, poiché RotoMedical ha progredito nella produzione di maschere facciali di tipo IIR certificate BSI, di grado chirurgico e progettate per l'uso da parte degli operatori sanitari.

Tarkan Conger, Direttore dello sviluppo commerciale del Gruppo Rototherm, ha dichiarato: “La nostra ambizione è sempre stata quella di continuare ad espandere e sviluppare l'attività e, a sua volta, di creare più posti di lavoro per l'economia locale. La partnership con Bollé ci consentirà di sfruttare le nostre competenze e innovazioni industriali mentre ci integriamo nel settore delle scienze della vita, espandendoci in nuove capacità e mercati di produzione".

A seguito del contratto di fornitura con Bollé, l'azienda ha aggiunto al suo mandato gli occhiali di sicurezza, per i quali ha creato una linea di produzione automatizzata dedicata. Gli schermi facciali Bollé saranno prodotti da RotoMedical, la divisione di dispositivi medici e di protezione di Rototherm, utilizzando materie prime di provenienza locale.

L'amministratore delegato del Gruppo Rototherm Oliver Conger ha dichiarato: “Siamo orgogliosi di essere una PMI in Galles e l'obiettivo è continuare a garantire partnership con altre aziende in Galles ea livello internazionale. Con l'aiuto di Life Sciences Hub Wales, siamo stati in grado di stabilire collegamenti in tutta l'industria gallese e ci impegniamo a far crescere ulteriormente la nostra presenza globale. Abbiamo investito tutto ciò che abbiamo nell'economia locale e nel business, che continuerà mentre ci espandiamo a livello internazionale".

Il vicepresidente delle vendite di Bollé Safety Ian Walbeoff ha aggiunto: “Questa partnership segna l'inizio di un nuovo entusiasmante capitolo per Bollé Safety in Galles e nel Regno Unito mentre continuiamo a far crescere la nostra presenza nel paese e ad investire nelle comunità locali. Ci aiuterà a migliorare le nostre capacità di sviluppo di prodotti con al centro la sostenibilità poiché lavoreremo con materiali di provenienza locale, vantando con orgoglio il marchio di eccellenza "Made in Britain".

"Le capacità di Rototherm testimoniano la forza lavoro manifatturiera altamente qualificata disponibile qui in Galles e non vediamo l'ora di svolgere un ruolo nell'ulteriore promozione dell'eccellenza produttiva nella regione".

Parlando della nuova partnership tra Rototherm e Bollé Safety, Cari-Anne Quinn, CEO di Life Sciences Hub Wales ha dichiarato: “Life Sciences Hub Wales è orgogliosa di supportare il viaggio di Rototherm nel settore delle scienze della vita e accoglie con favore le connessioni internazionali in espansione. Ci congratuliamo con loro per il lavoro che hanno svolto per supportare il Regno Unito in un momento di grande bisogno e Bollé, che garantirà questo contratto, vedrà continuare questi successi".

Continua a leggere

EU

Fondo Sociale Europeo: Lotta alla povertà e alla disoccupazione

Pubblicato

on

Il programma migliorato del Fondo sociale europeo+ si concentra sulla lotta alla povertà infantile e alla disoccupazione giovanile in Europa, Società.

L'8 giugno, il Parlamento europeo ha adottato nuove regole a affrontare la disoccupazione e la povertà nell'UE a seguito della crisi pandemica. Il Fondo sociale europeo rinnovato e semplificato, noto come Fondo sociale europeo+, si concentrerà sui bambini e sui giovani.

Con un budget di 88 miliardi di euro per il 2021-2027, il fondo aiuterà i paesi dell'UE a fornire accesso all'istruzione gratuita, cibo dignitoso e alloggi per i bambini. Sosterrà inoltre gli investimenti in apprendistati e formazione professionale per giovani disoccupati.

Molte persone sono preoccupate questioni sociali e occupazionali. Il fondo promuoverà l'inclusione sociale di coloro che subiscono perdite di posti di lavoro e riduzione del reddito e fornirà cibo e assistenza di base agli indigenti. Cos'è il Fondo Sociale Europeo?  

  • È il più antico strumento finanziario dell'UE per investire nelle persone, migliorare le opportunità di lavoro per i lavoratori e aumentare il loro tenore di vita.  
  • I fondi vengono distribuiti ai paesi e alle regioni dell'UE per finanziare programmi operativi e progetti relativi all'occupazione, dal contributo alla creazione di lavoro all'affrontare i divari educativi, la povertà e l'inclusione sociale.
  • I beneficiari sono generalmente persone, ma i finanziamenti possono essere utilizzati anche per aiutare aziende e organizzazioni. 
Più flessibilità, semplicità ed efficienza

Il Fondo Sociale Europeo Plus aggiornato unisce una serie di fondi e programmi esistenti, unendo le loro risorse:

Ciò consente un supporto più integrato e mirato. Ad esempio, le persone colpite dalla povertà beneficeranno di una migliore combinazione di assistenza materiale e supporto sociale completo.

A causa di queste regole più flessibili e più semplici, dovrebbe essere più facile per le persone e le organizzazioni beneficiare del fondo.

priorità

Il Fondo sociale europeo+ investirà in tre aree principali:

  • Istruzione, formazione e apprendimento permanente
  • Efficacia dei mercati del lavoro e parità di accesso a un'occupazione di qualità
  • Inclusione sociale e lotta alla povertà

Il fondo sostiene inoltre iniziative che consentono alle persone di trovare un'occupazione o un lavoro migliore in un'altra regione o paese dell'UE. Ciò include lo sviluppo di nuove competenze per nuovi tipi di lavori richiesti dal transizioni verdi e digitali.

Maggiori informazioni sulle politiche sociali 

Fondo sociale europeo +  

Continua a leggere

Protezione dei dati

Privacy online: la lotta al GDPR

Pubblicato

on


A due anni dall'implementazione del GDPR, il 45% degli utenti Internet europei non si sente ancora sicuro della propria privacy su Internet. Sebbene la stragrande maggioranza delle aziende non venga ancora multata per non aver protetto i dati dei propri clienti, lo scopo previsto del GDPR è battuto dalla stupida complessità del rifiuto di condividere i nostri dati, molto spesso presentato come un pop-up che consente di controlla cosa accetti di condividere, molti siti web ancora non ti offrono nemmeno la possibilità di rifiutare del tutto.

Continua a leggere
pubblicità

Twitter

Facebook

pubblicità

Trending