Seguici sui social

Affari

I 9 peggiori errori che puoi mai fare sul lavoro

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod Tempor incididunt ut labore et Dolore magna Aliqua.

Admin

Pubblicato

on

Foto: Shutterstock
Precedente1 di 3
Usa i tasti ← → (freccia) per navigare

Ma in certe circostanze e le esigenze dei propri compiti, si verificano di frequente che i piaceri devono essere ripudiato, o evita piacere e fastidio ad alcune delle cose che non sono stati accettati. È stato selezionato per queste materie a questo, quindi, è costretto ad ascoltare un uomo saggio, che egli dovrebbe o lui respinge piaceri per fissare altri più o altrimenti egli sopporta dolori per evitare i dolori peggiori.

Lorem ipsum dolor sit amet, Consectetur adipisicing elit, sed non eiusmod tempor incididunt ut labore et Dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud esercitazioni ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat.

Nemo enim IPSAM voluptatem quia voluptas sedersi Asper natura aut aut odit fugit, sed quia consequuntur Magni dolores eos qui ratione voluptatem Sequi nesciunt.

Et Harum quidem rerum Facilis est et expedita distinctio. Nam libero tempore, cum soluta nobis est eligendi Optio eorumque nihil impedit quo minus id quod maxime placeat facere possimus, omnis voluptas assumenda est, omnis dolor repellendus.

Nulla pariatur. Excepteur sint occaecat cupidatat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum.

Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus errore sedersi voluptatem accusantium doloremque laudantium, totam rem aperiam, eaque ipsa quae ab illo inventore veritatis et quasi architecto beatae vitae dicta sunt explicabo.

"Duis aute irure dolor in reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat"

Neque porro quisquam est, qui dolorem ipsum quia dolor sit amet, consectetur, adipisci velit, sed quia non numquam eius modi tempora incidunt ut labore et dolore magnam aliquam quaerat voluptatem. Ut enim ad minimi veniam, quis nostrum exercitationem ullam corporis suscipit laboriosam, nisi ut aliquid ex ea Commodi consequatur.

Al vero eos et odio dignissimos iusto accusamus et qui blanditiis ducimus praesentium voluptatum Dolores quos et tempera molestias deleniti corruz excepturi sint atque cupiditate non Provident occaecati, sunt in culpa qui similique offici deserunt mollitia animi, ossia et dolorum fuga laborum.

Quis autem vel eum iure reprehenderit qui in un voluptate velit esse quam nihil molestiae consequatur, vel illum qui dolorem eum fugiat quo voluptas nulla pariatur.

Precedente1 di 3
Usa i tasti ← → (freccia) per navigare

Sincronizzazione dei

Strategia europea per i dati: cosa vogliono i deputati

Corrispondente Reporter UE

Pubblicato

on

Scopri come i deputati vogliono plasmare le regole dell'UE per la condivisione dei dati non personali per promuovere l'innovazione e l'economia proteggendo la privacy.

I dati sono al centro della trasformazione digitale dell'UE che sta influenzando tutti gli aspetti della società e dell'economia. È necessario per lo sviluppo di intelligenza artificiale, che è una delle priorità dell'UE e presenta notevoli opportunità di innovazione, ripresa dopo la crisi del Covid-19 e crescita, ad esempio nel campo della salute e delle tecnologie verdi.

Per saperne di più opportunità e sfide per i big data.

Rispondendo alla Commissione Europea Strategia europea per i dati, La commissione per l'industria, la ricerca e l'energia del Parlamento ha chiesto una legislazione incentrata sulle persone basata sui valori europei di privacy e trasparenza che consentirà agli europei e alle aziende con sede nell'UE di beneficiare del potenziale dei dati industriali e pubblici in una relazione adottata il 24 febbraio 2021.

I vantaggi di un'economia dei dati dell'UE

I deputati hanno affermato che la crisi ha dimostrato la necessità di una legislazione sui dati efficiente che sosterrà la ricerca e l'innovazione. Nell'UE esistono già grandi quantità di dati di qualità, in particolare non personali - industriali, pubblici e commerciali - e il loro pieno potenziale deve ancora essere esplorato. Nei prossimi anni verranno generati molti più dati. I deputati si aspettano che la legislazione sui dati aiuti a sfruttare questo potenziale e a rendere i dati disponibili alle aziende europee, comprese le piccole e medie imprese, e ai ricercatori.

Consentire il flusso di dati tra settori e paesi aiuterà le imprese europee di tutte le dimensioni a innovare e prosperare in Europa e oltre e contribuirà a stabilire l'UE come leader nell'economia dei dati.

La Commissione prevede che l'economia dei dati nell'UE potrebbe crescere da 301 miliardi di euro nel 2018 a 829 miliardi di euro nel 2025, con un numero di professionisti dei dati che passerà da 5.7 a 10.9 milioni.

I concorrenti globali dell'Europa, come gli Stati Uniti e la Cina, stanno innovando rapidamente e stanno applicando le loro modalità di accesso e utilizzo dei dati. Per diventare un leader nell'economia dei dati, l'UE dovrebbe trovare un modo europeo per liberare il potenziale e fissare standard.

Norme a tutela della privacy, della trasparenza e dei diritti fondamentali

I deputati hanno affermato che le regole dovrebbero essere basate sulla privacy, la trasparenza e il rispetto dei diritti fondamentali. La condivisione libera dei dati deve essere limitata ai dati non personali o ai dati resi anonimi in modo irreversibile. Gli individui devono avere il pieno controllo dei propri dati ed essere protetti dalle norme dell'UE sulla protezione dei dati, in particolare dal Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR).

Il comitato ha invitato la Commissione e i paesi dell'UE a collaborare con altri paesi su standard globali per promuovere i valori e i principi dell'UE e garantire che il mercato dell'Unione rimanga competitivo.

Spazi dati europei e infrastruttura di big data

Chiedendo che il libero flusso di dati sia il principio guida, i deputati hanno esortato la Commissione ei paesi dell'UE a creare spazi di dati settoriali che consentano la condivisione dei dati seguendo linee guida, requisiti legali e protocolli comuni. Alla luce della pandemia, i deputati hanno affermato che si dovrebbe prestare particolare attenzione allo spazio comune europeo dei dati sulla salute.

Poiché il successo della strategia sui dati dipende in gran parte dall'infrastruttura della tecnologia dell'informazione e della comunicazione, i deputati hanno chiesto di accelerare gli sviluppi tecnologici nell'UE, come la tecnologia di sicurezza informatica, le fibre ottiche, il 5G e il 6G, e hanno accolto con favore le proposte per promuovere il ruolo dell'Europa nel supercalcolo e nel calcolo quantistico . Hanno avvertito che il divario digitale tra le regioni dovrebbe essere affrontato per garantire pari possibilità, soprattutto alla luce della ripresa post-Covid.

Impronta ambientale dei big data

Sebbene i dati abbiano il potenziale per supportare le tecnologie verdi e il L'obiettivo dell'UE di diventare neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050, il settore digitale è responsabile di oltre il 2% delle emissioni globali di gas serra. Man mano che cresce, deve concentrarsi sulla riduzione della sua impronta di carbonio e ridurre i rifiuti elettronici, Hanno detto i deputati.

Legislazione dell'UE sulla condivisione dei dati

La Commissione ha presentato una strategia europea per i dati nel febbraio 2020. La strategia e il Libro bianco sull'intelligenza artificiale sono i primi pilastri della strategia digitale della Commissione.

Per saperne di più opportunità di intelligenza artificiale e ciò che vuole il Parlamento.

La commissione industria, ricerca ed energia prevede che il rapporto sarà preso in considerazione nel nuovo Data Act che la Commissione presenterà nella seconda metà del 2021.

Il Parlamento sta anche lavorando a una relazione sul Legge sulla governance dei dati che la Commissione ha presentato nel dicembre 2020 come parte della strategia per i dati. Mira ad aumentare la disponibilità dei dati e rafforzare la fiducia nella condivisione dei dati e negli intermediari.

Il Parlamento voterà la relazione della commissione durante una sessione plenaria a marzo.

Una strategia europea per i dati 

Data Governance Act: governance europea dei dati 

Continua a leggere

Strategia Aviation per l'Europa

La Commissione approva un regime di aiuti irlandese da 26 milioni di euro per compensare gli operatori aeroportuali nel contesto dell'epidemia di coronavirus

Corrispondente Reporter UE

Pubblicato

on

La Commissione europea ha approvato, in base alle norme sugli aiuti di Stato dell'UE, un regime di aiuti irlandesi da 26 milioni di euro per risarcire gli operatori aeroportuali per le perdite causate dall'epidemia di coronavirus e le restrizioni ai viaggi imposte dall'Irlanda per limitare la diffusione del coronavirus. L'aiuto consiste di tre misure: i) una misura di risarcimento del danno; (ii) una misura di aiuto a sostegno degli operatori aeroportuali fino a un massimo di 1.8 milioni di euro per beneficiario; e (iii) una misura di aiuto per sostenere i costi fissi non coperti di queste società.

L'aiuto assumerà la forma di sovvenzioni dirette. In caso di sostegno per i costi fissi scoperti, l'aiuto può essere concesso anche sotto forma di garanzie e prestiti. La misura di risarcimento dei danni sarà aperta agli operatori degli aeroporti irlandesi che hanno gestito più di 1 milione di passeggeri nel 2019. In base a questa misura, questi operatori possono essere risarciti per le perdite nette subite durante il periodo tra il 1 ° aprile e il 30 giugno 2020 a seguito di le misure restrittive attuate dalle autorità irlandesi per contenere la diffusione del coronavirus.

La Commissione ha valutato la prima misura ai sensi dell'art 107 (2) (b) del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea e ha rilevato che provvederà al risarcimento dei danni direttamente collegati allo scoppio del coronavirus. Ha inoltre riscontrato che la misura è proporzionata, poiché il risarcimento non supera quanto necessario per riparare il danno. Per quanto riguarda le altre due misure, la Commissione ha ritenuto che fossero in linea con le condizioni stabilite nell'aiuto di Stato Quadro temporaneo. In particolare, l'aiuto (i) sarà concesso entro il 31 dicembre 2021 e (ii) non supererà 1.8 milioni di euro per beneficiario nell'ambito della seconda misura e non supererà i 10 milioni di euro per beneficiario nell'ambito della terza misura.

La Commissione ha concluso che entrambe le misure sono necessarie, appropriate e proporzionate per porre rimedio a un grave turbamento dell'economia di uno Stato membro, in linea con l'articolo 107, paragrafo 3, lettera b), del TFUE e le condizioni stabilite nel quadro temporaneo. Su questa base, la Commissione ha approvato le tre misure ai sensi delle norme UE sugli aiuti di Stato. Ulteriori informazioni sul quadro temporaneo e altre azioni intraprese dalla Commissione per affrontare l'impatto economico della pandemia di coronavirus sono disponibili suoe. La versione non riservata della decisione sarà resa disponibile con il numero SA.59709 nel registro degli aiuti di Stato sulla Commissione concorrenza sito Web una volta risolti tutti i problemi di riservatezza.

Continua a leggere

Aviazione / linee aeree

Aviazione: emanata la riduzione dello slot

Corrispondente Reporter UE

Pubblicato

on

A seguire una proposta della Commissione da dicembre 2020, il Consiglio ha adottato l'emendamento al regolamento sulle bande orarie che solleva le compagnie aeree dai requisiti di utilizzo delle bande orarie negli aeroporti per la stagione degli orari degli orari del 2021. L'emendamento consente alle compagnie aeree di restituire fino alla metà delle bande orarie aeroportuali che sono state assegnate prima dell'inizio della stagione.

La commissaria per i trasporti Adina Vălean ha dichiarato: “Accogliamo con favore il testo finale dell'emendamento che consente di adattare meglio le regole di bande orarie alla domanda dei consumatori per i viaggi aerei, promuove la concorrenza e apre la strada a un graduale ritorno alle regole normali. Mi aspetto che questa iniziativa incentiverà le compagnie aeree a fare un uso efficiente della capacità aeroportuale e che alla fine andrà a vantaggio dei consumatori dell'UE ".

La Commissione ha delegato poteri per un anno dopo l'entrata in vigore dell'emendamento, e quindi può estendere le regole fino alla fine della stagione estiva 2022, se necessario. La Commissione può anche adattare il tasso di utilizzo entro un intervallo del 30-70%, a seconda dell'evoluzione dei volumi di traffico aereo. Gli atti giuridici saranno pubblicati nei prossimi giorni nella Gazzetta ufficiale dell'UE ed entreranno in vigore il giorno successivo alla loro pubblicazione. Troverai maggiori dettagli qui.

Continua a leggere

Twitter

Facebook

Trending